menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza rifiuti: "I comuni virtuosi conferiscano direttamente in discarica"

Il sindaco di Villa Castelli, Vitantonio Caliandro, porterà domani, all'Assemblea dei sindaci dei Comuni della provincia di Brindisi, una proposta relativa a quella che potrebbe essere una soluzione provvisoria del problema

VILLA CASTELLI - Il sindaco di Villa Castelli, Vitantonio Caliandro, porterà domani, all’Assemblea dei sindaci dei Comuni della provincia di Brindisi, una proposta relativa a quella che potrebbe essere una soluzione provvisoria del problema all’ordine del giorno della stessa Assemblea: la questione legata alla gestione ed al trasporto dei rifiuti solidi urbani.

“Negli ultimi dieci anni – spiega Caliandro – la cronica miopia della Regione Puglia ha portato a devastanti conseguenze in materia, in particolar modo per quanto concerne l’impiantistica legata allo smaltimento ed al ciclo dei rifiuti; miopia cui va aggiunta la sistematica latitanza dei Comuni. Oggi dovremmo, ottemperando ad un accordo tra Regione Puglia e Regione Emilia Romagna, conferire tutta la nostra indifferenziata in quel di Reggio Emilia, con costi che equivalgono esattamente al doppio di quelli attuali. Ciò costringerebbe tutti i Comuni ad aumentare in maniera considerevole la Tari o a portarli verso il dissesto”. 

Di qui la proposta, che Caliandro gira direttamente al presidente Emiliano. “I Comuni che raggiungono una quota che superi il 60% di differenziata (ed in considerazione dei bassi indici respirometrici che ne conseguono, indicativi della nocività sulla salute derivanti da eventuali deficienze impiantistiche) dovrebbero essere autorizzati a conferire direttamente in discarica i propri rsu. Quei Comuni che invece non riescono a raggiungere tali quote di differenziata saranno invece costretti a portare i propri rifiuti in Emilia”. 

“In questo caso tali Amministrazioni comunali dovrebbero godere di un ristoro regionale, che d’altronde non potrebbe che derivare proprio dall’ecotassa che i Comuni mandano a Bari. Credo che se tale proposta (peraltro da me già avanzata all’ARO nei giorni scorsi) non dovesse passare, si aprirebbero prospettive altamente preoccupanti per il reperimento dei fondi, da parte dei Comuni, da destinare al trasporto dei rifiuti. Guardando in faccia la realtà - conclude Caliandro – l’emergenza non potrà finire certo in sessanta giorni e si rischierà così di mettere a dura prova i bilanci comunali. Mi auguro che il presidente Emiliano prenda a cuore la questione, al fine di evitare ulteriori conseguenze negative”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia, prosegue il calo dei posti letto occupati

  • Attualità

    Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

  • Annunci

    Sfratti Parco Bove: il segretario Cobas martedì davanti al gup

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento