menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza Xylella: "Si istituisca un presidio nella zona cuscinetto"

Il presidente del parco delle Dune Costiere: "Siamo in grave ritardo, la Regione supporti l'azione dei sindaci"

OSTUNI - In merito all’emergenza Xylella, dati anche gli ultimi risvolti della vicenda, legati all’estensione della zona “cuscinetto” alla provincia di Bari, il Presidente del Parco Naturale delle Dune Costiere ha lanciato un appello ai vertici dell’istituzione regionale, chiedendo di intervenire a favore delle amministrazioni comunali nell’attuazione di interventi utili a ridurre l’avanzamento del batterio. 

“La richiesta dei sindaci della zona cuscinetto di fissare un incontro con i responsabili della Regione Puglia sull’emergenza xylella – dichiara Enzo Lavarral’On Enzo Lavarra durante il convegno “Xylella, l’olivo e il biologico”, tenutosi venerdì 23 marzo presso la sede del Gal Alto Salento in occasione di Biol 2018  – non può essere ulteriormente disattesa. Questa zona infatti è l’ultima trincea nel contrasto al dilagare dell’insetto vettore. Lo sfondamento verso la Piana degli olivi secolari e verso il barese della sputacchina e del patogeno, mettono a rischio un Patrimonio millenario e l’intero paesaggio olivicolo pugliese; e con esso la redditività agricola, il turismo, nonché il fattore puramente identitario di una vasta comunità”.

“Marzo e aprile sono mesi decisivi per rendere operative le prescrizioni europee e nazionali. Siamo già in grave ritardo. Sostenendo dunque l’azione dei sindaci, rinnovo la proposta della immediata istituzione di un presidio nella zona ‘cuscinetto’ degli Uffici regionali preposti. Lo scopo è quello di rendere tale presidio, la cabina di regia per l’informazione e l’applicazione dei trattamenti codificati. Sicuro che a questa scelta di vicinanza e urgente operatività, corrisponderà la piena collaborazione di Enti locali e forme associate degli olivicoltori con gli esperti e i ricercatori che le affiancano”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento