Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Un altro arresto per spaccio: hascisc e marijuana nascosti in cucina

Nuovo arresto a Brindisi nel vasto pianeta dello spaccio delle cosiddette droghe leggere, una rete fitta in cui gli arresti si susseguono a ripetizione, ma l’evidenza è quella di un fenomeno che non consente un attimo di respiro agli investigatori

BRINDISI – Nuovo arresto a Brindisi nel vasto pianeta dello spaccio delle cosiddette droghe leggere, una rete fitta in cui gli arresti si susseguono a ripetizione, ma l’evidenza è quella di un fenomeno che non consente un attimo di respiro agli investigatori, alimentato – come dimostrano recenti operazioni di polizia giudiziaria – da un costante rifornimento da parte delle mafie albanesi per le quali ormai lavora buona parte della malavita locale (inclusi scafisti e i trasportatori a terra).

squadra mobile-2-2Certamente Fabio Laveneziana, 39 anni, è solo uno dei piccoli terminali della rete, quelli incaricati dello spaccio al minuto. La sua abitazione è stata perquisita martedì pomeriggio da poliziotti della sezione antidroga della Squadra  Mobile, con l’ausilio di due cani addestrati del nucleo cinofilo della Polizia di Frontiera, Judo e Vasa.  Al termine del controllo, gli agenti hanno sequestrato 51 grammi di hascisc e 40 di marijuana, che erano custoditi in un contenitore di plastica sotto un tavolo, in cucina.

La polizia ha trovato anche due bilancini elettronici, tritaerba e altro materiale utilizzato per il confezionamento delle dosi. A Laveneziana è stata sequestrata anche una somma di denaro ritenuta provento dell’attività illegale. Su decisione del sostituto procuratore di turno, il brindisino è stato assegnato agli arresti domiciliari in attesa di comparire davanti al giudice delle indagini preliminari per l’udienza di convalida.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un altro arresto per spaccio: hascisc e marijuana nascosti in cucina

BrindisiReport è in caricamento