Cronaca

Era ai domiciliari ma chattava con gli amici: condotto in carcere

Chattava con i suoi amici nonostante si trovasse in regime i domiciliari. Così si sono aperte le porte della casa circondariale di Brindisi per il 34enne Maurizio Natola

CAROVIGNO – Chattava con i suoi amici nonostante si trovasse in regime i domiciliari (fra i cui obblighi evidentemente vi è il divieto di intrattenersi sui social network). Così si sono aperte le porte della casa circondariale di Brindisi per il 34enne Maurizio Natola, di Carovigno. L’uomo è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del tribunale di Brindisi, su richiesta del pubblico ministero.

Sono stati i carabinieri dell'aliquota radiomobile della compagnia di San Vito dei Normanni ad accertare che in più occasioni Natola si era tenuto in contatto con i suoi amici attraverso Facebook, violando così le prescrizioni che gravavano sul suo capo. Gli stessi militari ieri si sono recati presso la sua abitazione per notificargli il provvedimento restrittivo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era ai domiciliari ma chattava con gli amici: condotto in carcere

BrindisiReport è in caricamento