menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Erchie, nuovo stop alla realizzazione dell'impianto di compostaggio

Il Consiglio di Stato ha momentaneamente sospeso i lavori avviati lunedì scorso

ERCHIE - Nuovo stop all’impianto di compostaggio nel comune di Erchie. Con decreto n 4733 del 30.10.2017 la IV sez del Consiglio di Stato ha momentaneamente sospeso l’efficacia della sentenza n. 1642/’17 sulla scorta della quale Heracle Srl aveva avviato lo scorso lunedì, i lavori. A renderlo noto l’amministrazione comunale di Erchie sulla sua pagina Facebook.

Si legge ancora: accogliendo l’istanza di misure cautelari urgenti proposta dal Comune di Erchie, infatti, il Presidente della IV Sezione ha ritenuto che al fine di  “mantenere inalterata la situazione dei luoghi” in attesa della discussione collegiale dell’istanza cautelare e fatta salva la recinzione e l’approntamento dell’area di cantiere (attività, peraltro, già poste in essere da Heracle) ogni ulteriore attività dev’essere sospesa. L’udienza di discussione è stata fissata per la camera di consiglio del 30 novembre prossimo.

La manifestazione di protesta

Risale a mercoledì scorso una manifestazione di protesta in contrada Argentuni a Erchie a cui hanno aderito 150 cittadini che si oppongono alla realizzazione dell’impianto di compostaggio. In concomitanza con l’avvio dei lavori. Pochi giorni prima (il 20 ottobre) la sentenza della terza sezione del Tar di Lecce aveva dato il via libera alla realizzazione dell’impianto, accogliendo il ricorso della società Heracle di Venezia che aveva impugnato gli atti con i quali il Comune di Erchie aveva dichiarato la decadenza dell’autorizzazione per mancato inizio dei lavori entro il termine annuale. Successivamente l’amministrazione comunale annunciò l’intenzione di ricorrere al Consiglio di Stato, che si è espresso oggi, stoppando momentaneamente i lavori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento