menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Associazione mafiosa, droga, estorsione e ricettazione: quattro arresti

Eseguiti in provincia di Brindisi quattro ordini di carcerazione dopo che sono diventate definitive le condanne emesse a carico di altrettanti soggetti. Gli atti sono stati notificati dai carabinieri

E’ arrivato il conto della giustizia per quattro brindisini a carico dei quali sono stati eseguiti altrettanti ordini di carcerazione, dopo che le condanne emesse a loro carico sono diventate esecutive. I provvedimenti restrittivi sono stati eseguiti dai carabinieri delle locali stazioni.

Il 34enne F.  P., residente a Cavallino (Lecce) e domiciliato a Latiano, espierà in regime di domiciliari la parte residua di una condanna a 7 anni e 4 mesi di reclusione per associazione mafiosa, estorsione in concorso e rapina, fatti commessi in Lecce nell’anno 2011.

Un 47enne di Mesagne, G.R., è stato accompagnato presso la casa circondariale di Brindisi per scontare il residuo di una pena a 4 anni e 8 mesi di reclusione per associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e psicotrope e detenzione sostanza stupefacente ai fini di spaccio, reati commessi a Pesaro negli anni 2006–2008.

Si sono aperte le porte del carcere di Brindisi anche per il 27enne M.P., di Fasano, che dovrà scontare un residuo di pena cumulativa di 3 anni, 8 mesi e 20 giorni di reclusione, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, commesso nel 2011 in provincia di Brindisi.

E’ stato arrestato in regime di domiciliari, infine, un 78enne di Ceglie Messapica, A, B, che deve espiare il residuo di una condanna a 8 mesi di reclusione per il reato di ricettazione, commesso a Ceglie Messapica il 21 settembre 2013.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento