menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La cocaina sequestrata il 31 luglio 2015

La cocaina sequestrata il 31 luglio 2015

Estradato in Italia dalla Germania ex latitante per traffico di cocaina

Scortato in Italia dalla polizia tedesca, l’ex latitante Daniele Risonola, 41 anni di Oria, è stato preso in consegna all’aeroporto di Fiumicino dai carabinieri del Norm della compagnia di Francavilla Fontana con la collaborazione degli agenti della Polizia di Frontiera

ORIA – Scortato in Italia dalla polizia tedesca, l’ex latitante Daniele Risonola, 41 anni di Oria, è stato preso in consegna all’aeroporto di Fiumicino dai carabinieri del Norm della compagnia di Francavilla Fontana con la collaborazione degli agenti della Polizia di Frontiera, che gli hanno notificato l’ordinanza di custodia cautelare relativa al traffico di cocaina smantellato il 16 novembre con l’operazione Finibus.  Risonola è stato trasferito quindi al carcere di Rebibbia a Roma, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il latitante era stato arrestato dalla polizia tedesca su mandato europeo  lo scorso 23 dicembre 2015. In Germania, paese che conosce bene, l’oritano si era rifugiato dopo il blitz del 16 novembre, avvenuto al termine di una indagine degli investigatori dell’Arma di Francavilla Fontana, partita nel marzo 2015, per reati che comprendono il traffico e detenzione illeciti di quantità ingenti di sostanze stupefacenti, il porto e detenzione illegali di arma da fuoco, la ricettazione, e la rapina.

Episodio culminante, quello del 31 luglio scorso quando i militari intercettarono la coppia composta da Francesco Trisolini e Patricia Theodora Johanna Van Heel al rientro dalla Germania, con 40 chili di cocaina in un doppiofondo della loro Peugeot 3008. Qualche mese dopo, l’avvio nei confronti di 14 indagati. All’arresto riuscì a sottrarsi il solo Daniele Risonola, ma per una manciata di settimane.

Restando ad Oria, i carabinieri – stavolta quelli della stazione locale – hanno eseguito un ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica di Brindisi nei confronti di Giovanni Dell’Erba di 38 anni, il quale deve scontare una condanna definitiva a tre anni e 4 mesi di reclusione per una bancarotta fraudolenta avvenuta a Brindisi nel giugno del 2007. Dell’Erba è stato trasferito al carcere di Brindisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento