menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lenka Pavlovic

Lenka Pavlovic

Evade a Caserta per rubare a Fasano

FASANO – Evade dai domiciliari a Castel Volturno, in provincia di Caserta, e viene trovata a Fasano in compagnia di un minore e in possesso di due cacciaviti e un foglio di plastica rigido “passepartout”, torna in carcere una donna di 22 anni, nomade, di origini serbe, Lenka Pavlovic.

FASANO - Evade dai domiciliari a Castel Volturno, in provincia di Caserta, e viene trovata a Fasano in compagnia di un minore e in possesso di due cacciaviti e un foglio di plastica rigido "passepartout", torna in carcere una donna di 22 anni, nomade, di origini serbe, Lenka Pavlovic.

La giovane donna era evasa dalla sua abitazione nel Casertano il 20 dicembre scorso. Ieri mattina se ne andava in giro per le vie di Fasano in compagnia di un minore, a tradirla è stata la sua reazione alla vista dei carabinieri impegnati in un normale servizio di controllo nelle vie della città della Selva.

La 22enne alla vista dei militari ha tentato di fuggire ma è stata subito bloccata e perquisita. Dopo le formalità di rito è stata associata alla casa circondariale di Lecce a disposizione dell'autorità giudiziaria, mentre il minore è stato affidato all'istituto di accoglienza "Sacro Cuore" di Fasano.

Alla Pavlovic sono stati poi notificati: il provvedimento di esecuzione di pene concorrenti, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torre Annunziata, in quanto riconosciuta colpevole con più sentenze del reato di furto: deve espiare la pena residua di un anno, sei mesi 6 otto giorni di reclusione e pagare 700 euro di multa; il provvedimento di prosecuzione dell'espiazione della pena in regime detentivo ordinario in sostituzione di quello domiciliare cui era sottoposta, emesso dal Magistrato di sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento