menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Evasione da due comunità: uno precipita e si frattura le gambe

I casi alla Emmanuel di Carovigno e al Crap di Latiano. Si tratta di due detenuti ai domiciliari, entrambi catturati

I carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della compagnia di San Vito dei Normanni hanno tratto in arresto, in flagranza di reato per evasione M.P.  50enne originario della provincia di Lecce, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari nella Comunità Emmanuel di Carovigno. L’uomo alla vista dei militari della Stazione che dovevano procedere a notificargli un provvedimento, dapprima si è nascosto nell’ambito della struttura  e subito dopo ha scavalcato il muro di recinzione per darsi alla fuga  cadendo da un’altezza di 2 metri su un cespuglio di rovi.

Esplorando il perimetro esterno lungo il perimetro della comunità i militari dell’aliquota operativa sono riusciti ad individuarlo. L’uomo a seguito della caduta e delle fratture riportate era impossibilitato ad alzarsi e muoversi, è stato dichiarato in arresto  e con un’ambulanza del 118 è stato subito accompagnato nell’ospedale “Perrino” di Brindisi dove si trova ricoverato con entrambi gli arti inferiori ingessati. Considerato il suo stato di restrizione verrà preso in consegna dal personale della Polizia Penitenziaria in attesa delle determinazioni del magistrato competente.

M.P. era stato collocato agli arresti domiciliari in seno alla comunità Emmanuel, a seguito del suo arresto avvenuto in Lecce nel giugno 2016 per furto di uno scooter, utilizzato successivamente per commettere una tentativo di rapina ai danni di una farmacia del capoluogo salentino assieme ad  un complice anch’egli tratto in arresto in quella stessa circostanza.

E sempre da una comunità, il Crap di Latiano, era da poco evaso un 32enne originario della provincia di Lecce che si trovava agli arresti domiciliari nel centro di recupero, quando è stato dato l’allarme ai carabinieri della stazione locale dell’Arma. Il fatto è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri. Dopo qualche giro perlustrativo  il fuggiasco è stato rintracciato a circa 400 metri dalla comunità con due borsoni contenenti gli effetti personali che aveva preparato. Tratto in stato di arresto, dopo le formalità di rito  su disposizione dell’autorità giudiziaria è stato nuovamente assegnato al regime della detenzione domiciliare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento