menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Finanza San Pietro Vernotico

Finanza San Pietro Vernotico

Evasione Iva, denunciato pure il fiscalista

SAN PIETRO VERNOTICO – Scoperta evasione fiscale di oltre 150mila euro, sequestro preventivo, per un valore complessivo di 300mila euro, sia per i beni del trasgressore che per quelli del commercialista che ha compilato e firmato le false dichiarazioni Iva.

SAN PIETRO VERNOTICO - Scoperta evasione fiscale di oltre 150mila euro, sequestro preventivo, per un valore complessivo di 300mila euro, sia per i beni del trasgressore che per quelli del commercialista che ha compilato e firmato le false dichiarazioni Iva. Nei guai l'amministratore di un opificio di San Pietro Vernotico e un consulente fiscale di Lecce.I sigilli sono stati posti allo studio, situato in pieno centro del capoluogo salentino.

Il libero professionista, inoltre, avendo fiutato in tempo quello che sarebbe accaduto, poco meno di un mese fa ha alienato l'immobile che ospita lo studio alla moglie, nel tentativo di sottrarlo ad eventuali provvedimenti finalizzati alla confisca. Doppio successo, quindi, per chi ha scoperto l'evasione, i militari della tenenza della Guardia di Finanza di San Pietro Vernotico, guidati dal luogotenente Alfredo Proto, che non solo sono riusciti a individuare l'evasione ma anche a dimostrare che l'immobile è stato ceduto nel periodo delle indagini e dopo che il consulente aveva appreso di essere stato iscritto nel registro degli indagati.

L'evasione che ha portato a questo sequestro preventivo riguarda la dichiarazione Iva 2010. Le fiamme gialle, attraverso un'accurata e certosina attività investigativa, hanno accertato che per il 2009 il commercialista dell'azienda ortofrutticola sanpietrana, "tenutario" (e non depositario) delle scritture contabili, nella dichiarazione annuale dell'iva, aveva "volontariamente e continuativamente" elencato infedelmente elementi passivi di reddito provocando un'evasione dell'imposta sul valore aggiunto di 154mila euro.

Per questo comportamento anche lui è finito sotto inchiesta ed è destinatario di un provvedimento di sequestro preventivo dei beni pari all'ammontare della somma evasa. Le indagini a carico dell'azienda in questione sono state avviate a marzo del 2012.

 

 

 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento