menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tribunale di Taranto

Il tribunale di Taranto

Ex dipendenti chiedono il fallimento dell'emittente Studio 100

L'apposita sezione del Tribunale di Taranto ha avviato la procedura fallimentare nei confronti della società Jet Srl, editrice di Studio 100, popolare emittente televisiva con sede nel capoluogo ionico

TARANTO – L’apposita sezione del Tribunale di Taranto ha avviato la procedura fallimentare nei confronti della società Jet Srl, editrice di Studio 100, popolare emittente televisiva con sede nel capoluogo ionico. Il ricorso per la dichiarazione di fallimento delle parti creditrici, alcuni giornalisti e operatori dell’emittente, risale al 4 maggio scorso.

Il Tribunale ha già indicato nella persona del giudice Francesca Zanna il relatore per l’udienza del 25 settembre 2017, in cui avverrà l’audizione del debitore nell’ambito del procedimento per la dichiarazione di fallimento. Solo all’esito di tale udienza si saprà quale piega assumerà la vicenda.

Riceviamo e pubblichiamo da Studio 100 la seguente nota. Per quanto ci riguarda confermiamo che esiste una procedura per la dichiarazione di fallimento avviata dall’apposita sezione del tribunale di Taranto, nell’ambito della quale il 25 settembre 2017 è stata fissata l’udienza per l’ascolto della parte debitrice.

Il Tribunale di Taranto non ha avviato alcuna procedura fallimentare nei nostri confronti come erroneamente riportato. Infatti, è stata soltanto depositata un'istanza si fallimento che verrà analizzata e discussa nel prossimo mese di settembre. Chiunque può presentare istanza di fallimento, tocca, naturalmente, al Tribunale competente accertare la validità e la proponibilità della stessa. Studio100TV, inoltre, intende sistemare alcune pendenze aperte prima di tale data.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento