Cronaca Oria

Ex sottufficiale della Marina con droga in auto: “Viaggio su commissione”

Vito Carbone, 37 anni, ottiene i domiciliari: trasportava due chili di hashish nel parafango

ORIA – “Quel viaggio con la droga in auto l’ho fatto su commissione: me l’ha chiesto un uomo che ho conosciuto tempo fa a Porto Cesareo. Ho preso l'hashish e mi sono messo alla guida”.

L’interrogatorio e la convalida

Vito Carbone, 37 anni, di Oria, ex sottufficiale della Marina militare, ha consegnato al giudice per le indagini preliminari di Trani, Maria Grazia Caserta, la sua verità sul trasporto di due chili di hashish trovati nella sua auto dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Trani. I militari erano impegnati in un normale servizio di controllo, lungo la strada statale 16 bis: hanno intimato l’Alt al posto di blocco e Carbone si è fermato.

Ha affrontato l’interrogatorio alla presenza dell’avvocato Pasquale Annicchiarico, in sede di convalida dell’arresto. Il pubblico ministero Raffaella De Luca aveva chiesto la convalida con custodia in carcere, il penalista invece ha chiesto i domiciliari tenuto conto dell’atteggiamento mostrato dall’indagato. E il gip ha convalidato, riconoscendo gli arresto domiciliari.

La droga

Nell’auto Carbone trasportava venti panetti di hashish, scoperti dopo la perquisizione personale. Nella tasca della sua giacca, i militari hanno trovato una bottiglietta di metadone. La droga è stata trovata in una intercapedine nel parafango posteriore sinistro.

Nel corso dell’interrogatorio non avrebbe fornito elementi utili per arrivare all’uomo che, secondo la sua versione, gli avrebbe commissionato il trasporto. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ex sottufficiale della Marina con droga in auto: “Viaggio su commissione”

BrindisiReport è in caricamento