menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fa la pipì davanti ai bimbi: inseguito e bloccato dai genitori inferociti

L'episodio si è verificato fra la scuola Perasso e corso Umberto. L'uomo è stato portato in questura dalla polizia

BRINDISI – Si sarebbe abbassato i pantaloni e avrebbe iniziato a urinare davanti ai bambini. Poi alcuni genitori lo hanno inseguito, fino a bloccarlo un centinaio di metri dopo. Si sono vissuti momenti di grande concitazione intorno alle ore 14,30 di oggi (venerdì 26 ottobre) fra la scuola elementare Perasso, situata in corso Roma, e corso Umberto, nei pressi di piazza Cairoli. Il protagonista della vicenda sarebbe un cittadino italiano originario del Nord Italia. Questi è stato bloccato dai poliziotti e accompagnato in questura per gli accertamenti del caso. La vicenda è da chiarire.

Da quanto riferito da alcuni testimoni, l’uomo avrebbe fatto pipì all’esterno del plesso dell’istituto comprensivo Centro, turbando i bambini che in quel momento uscivano da scuola. Un genitore che si trovava insieme alla moglie, la consigliera comunale Valentina Fanigliulo, lo ha rimbrottato duramente. Lui ha reagito colpendolo con un pugno in faccia e spintonando sia la moglie che il figlioletto, il quale è caduto a terra, battendo la testa. Poi si è dato alla fuga, ma i genitori lo hanno tallonato, imboccando via Cappellini.  Una volta arrivato in corso Umberto, all’altezza del negozio di calzature Pittarosso, è stato di fatto accerchiato.

Provvidenziale è stata la tempestività con cui tre equipaggi di poliziotti della Sezione Volanti si sono recate sul posto. L’uomo è stato sottratto ai genitori inferociti e caricato a bordo del mezzo di servizio. 

Il post della mamma

La stessa Valentina Fanigliulo, in serata, ha fatto chiarezza sull'accaduto attraverso un post pubblicato sul suo profilo Facebook. "Dalle foto fatte dai cittadini - scrive la Fanigliulo - sono stata riconosciuta, e di conseguenza ho dovuto spiegare l'accaduto. Stiamo tutti bene, mio figlio sta bene. Il soggetto in questione è una persona che l'ospedale psichiatrico di San Pietro ha sotto cura, ma è scappato via ieri, poco fa abbiamo assistito al prelevamento dalla questura dove io e mio marito abbiamo sporto denuncia, per aggressione ed atti osceni in luogo pubblico".

b7b1e62d-ed47-4010-9f4e-57cf150165d0(1)(1)-2

"Si tratta - prosegue la Fanigliulo - di una persona italiana, la nostra reaziione sarebbe stata la stessa qualora si fosse trattato di uno straniero. Ci tengo a precisare che se si fosse trovato un altro bambino, ci saremmo comportarti nello stesso modo, il mio ruolo politico va oltre ogni mia morale e istinto materno, quindi per chi si è permesso di giudicare l'accaduto che evitasse di parlare ad occhio, perché sfido chiunque di fronte ad una situazione simile, una reazione diversa da quella che abbiamo avuto noi. La violenza l'abbiamo subita , ci siamo solo difesi in attesa dell'arrivo Delle volanti. Grazie". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento