rotate-mobile
Cronaca

Falcone difende l'obbligatorietà dell'azione penale, Vitali gli dice che non può farlo

BRINDISI – Nel suo discorso subito dopo l’elezione a presidente della Camera Penale brindisina, ha spezzato una lancia a favore dell’obbligatorietà dell’azione penale, principio che deve restare uno dei pilastri della giustizia in Italia, ed ha criticato il berlusconismo dilagante che invece lo mette in discussione. Tanto è bastato all’avvocato Marcello Falcone per ricevere oggi una critica pubblica da parte dell’onorevole Luigi Vitali, uno che per Berlusconi le leggi le pensa e le scrive (ma attento al “costituzionalista” Sardelli).

BRINDISI - Nel suo discorso subito dopo l'elezione a presidente della Camera Penale brindisina, ha spezzato una lancia a favore dell'obbligatorietà dell'azione penale, principio che deve restare uno dei pilastri della giustizia in Italia, ed ha criticato il berlusconismo dilagante che invece lo mette in discussione. Tanto è bastato all'avvocato Marcello Falcone per ricevere oggi una critica pubblica da parte dell'onorevole Luigi Vitali, uno che per Berlusconi le leggi le pensa e le scrive (ma attento al "costituzionalista" Sardelli).

"Nel fare gli auguri al neo presidente della Camera Penale di Brindisi avv. Marcello Falcone - scrive Vitali in un comunicato - mi spiace constatare che egli abbia voluto evidenziare sin da subito la sua collocazione politica esprimendosi contro il Presidente del Consiglio. Ritenevo e ritengo che quando si riveste un ruolo così importante lo si debba fare con sobrietà, contro nessuno e soprattutto nell'intesse della categoria; così come sino ad oggi si e' verificato a Brindisi dove i fondatori e molti past president, pur provenendo da ambienti e culture di centrodestra, non hanno mai espresso giudizi politici".

Ma non è forse vero che le Camere Penali a livello nazionale hanno più volte invece aderito a campagne come quella sulla separazione delle carriere tra magistratura giudicante ed inquirente? E chi l'ha tirata fuori per primo questa idea, se non Berlusconi? Non si può chiedere che a Brindisi l'organismo di rappresentanza dei penalisti sia ingessato e a Roma no. E cosa dovrebbe fare la Camera penale, se non occuparsi di questi problemi?

Ma Vitali richiama Falcone: "Essendo anch'io un iscritto della Camera penale di Brindisi e notoriamente schierato nel centrodestra non mi resta che augurarmi che il collega Falcone sia in grado e voglia rappresentare anche me: chiaramente come avvocato e non come politico". Ma da alcuni settori dell'avvocatura penale fresca di rinnovo delle cariche la risposta arriva a stretto giro: "Non ci risulta che il collega Vitali abbia consultato la categoria prima delle sue sortite parlamentari sulla giustizia. Non si può cancellare il diritto di critica negli organismi forensi".

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Falcone difende l'obbligatorietà dell'azione penale, Vitali gli dice che non può farlo

BrindisiReport è in caricamento