menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Grazie alle lezioni dei carabinieri, mette in fuga truffatore

Una anziana signora di Ceglie Messapica non abbocca al trucco del falso maresciallo e del falso avvocato

CEGLIE MESSAPICA - Il metodo praticato per imbrogliare consisteva nel qualificarsi come maresciallo dei carabinieri o avvocato, facendosi poi consegnare denaro contante e oggetti preziosi dalla vittima, dopo aver ingenerato nella stessa il timore di gravi conseguenze giudiziarie in danno di parenti stretti i quali – raccontava il truffatore alla vittima – erano trattenuti in stato di arresto dopo aver causato un incidente stradale. Era ovviamente tutto falso, e finalizzato a spillare soldi al malcapitato o alla malcapitata di turno.

Il trucco non è riuscito con signora anziana di Ceglie Messapica alla quale nelle ultime ore uno sconosciuto interlocutore telefonico si è presentato come maresciallo dei carabinieri, riferendo che il figlio della donna era rimasto coinvolto in un sinistro stradale, ma siccome aveva l’assicurazione del veicolo scaduta rischiava di essere arrestato assieme alla moglie. Insomma, una mezza tragedia, che si sarebbe risolta però consegnando subito 4mila euro a un avvocato che avrebbe sistemato tutto, e che si sarebbe presentato di lì a poco a casa della signora.

Campagna contro truffe (2)-2

Infatti, uno sconosciuto vestito di nero dopo qualche minuto ha suonato al campanello. Mai avvocato fu così veloce. La signora si è subito insospettita comprendendo che si trattava di un raggiro, e non ha aperto, ma si è affacciata dal balcone, ha chiesto allo sconosciuto se fosse l’avvocato e avuta risposta affermativa ha iniziato ad urlare all’indirizzo dell’uomo, che si è dato alla fuga a bordo di un’autovettura parcheggiata nelle adiacenze.

La signora poco dopo ha denunciato il fatto ai carabinieri della stazione locale e ha spiegato di non essere caduta nella trappola dei truffatori grazie anche alla campagna informativa attuata dall’Arma con una serie di incontri. per mettere in guardia i cittadini sui comportamenti e sulle tecniche utilizzate per ingannare le persone anziane. Ed è stato proprio l’esempio del falso carabiniere è quello maggiormente commentato nel corso degli incontri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento