Denuncia pusher con chiamata anonima, ma è tutto inventato

Un 42enne di San Vito dei Normanni, tramite il 112, segnala la presenza di mezzo chilo di cocaina in casa di un cittadino. Tutto falso

SAN VITO DEI NORMANNI – Ha chiamato i carabinieri, segnalando la presenza di mezzo chilo di cocaina in casa di un cittadino albanese. Ma era tutto falso. I carabinieri del Norm della compagnia di San Vito dei Normanni sono risaliti all’autore di una chiamata anonima giunta nella giornata di ieri sull’utenza 112. Si tratta di un 42enne del posto che adesso dovrà rispondere dei reati di interruzione di un pubblico servizio, simulazione di reato e procurato allarme presso le autorità.

L’uomo ha contattato i militari tramite un cellulare in suo possesso. A seguito di tale segnalazione, le forze dell’ordine hanno dovuto effettuare gli accertamenti del caso, conclusisi con esito negativo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

  • Chiedono i documenti: poliziotti aggrediti con calci e pugni in stazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento