Falso made in Italy, sequestro al porto

BRINDISI – Tremila borse fabbricate all'estero con la dicitura falsa “Made in Italy” sono state sequestrate questa mattina dai militari della compagnia della Guardia di Finanza di Brindisi in collaborazione con i funzionari dello Svad Dogane.

Le etichette posticce

BRINDISI – Tremila borse fabbricate all'estero con la dicitura falsa “Made in Italy” sono state sequestrate questa mattina dai militari della compagnia della Guardia di Finanza di Brindisi in collaborazione con i funzionari dello Svad Dogane.

Due persone, una di nazionalità bulgara e l'altra italiana, sono state denunciate. Il carico di borse fasulle era occultato nel carico di un Tir con targa bulgara sbarcato questa mattina a Costa Morena ovest, dalla motonave “Sorrento” proveniente dalla Grecia.

L'intero carico, occultato sotto prodotti fabbricati in Bulgaria, era destinato nel Centro Italia e sarebbe finito sulle piazze italiane come prodotto fabbricato da aziende nazionali. L'autoarticolato  e il suo contenuto sono stati posti sotto sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta sulla provinciale: deceduto conducente

  • Nuovo Dpcm: restrizioni fino al 5 marzo. La Puglia tornerà arancione

  • Muore a 19 anni dopo forti emicranie: indagati due medici del Perrino

  • Violento impatto fra auto e moto in città: un giovane in ospedale

  • Covid, "furbetti del vaccino": ispezione dei Nas al Perrino

  • Puglia in zona gialla: dagli spostamenti alle aperture di bar, ristoranti e negozi, le regole fino al 15 gennaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento