menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rifiuti: Falzarano sempre più lontana. "Si crei una nuova società in house"

La ditta non può sottoscrivere il contratto in quanto il Durc è negativo. I consiglieri propongono di internalizzare il servizio. Chiesto un parere al commissario regionale. Affidato alla Multiservizi il taglio dell'erba su strade e marciapiedi

BRINDISI – La Falzarano è sempre più lontana da Brindisi. Il Durc della società campana è negativo. Stando così le cose, l’azienda non può rilevare dall’attuale gestore, Ecologica Pugliese, il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e di nettezza urbana per conto del Comune di Brindisi. E’ quanto emerso da una riunione della commissione Igiene urbana presieduta dal consigliere Pasquale Luperti svoltasi stamani, seguita da una conferenza dei capi gruppo in cui è stato trattato anche questo argomento.

Il dirigente del settore Ecologica e Ambiente, Gaetano Padula, ha chiarito che la Falzarano, non essendo in regola con i contributi previdenziali, non può sottoscrivere il capitolato con l’amministrazione comunale. I tecnici comunali dunque si stanno “guardando intorno”, alla ricerca di soluzioni alternative. Una proposta è arrivata dai componenti della commissione, che hanno approvato all’unanimità una mozione (presentata dallo stesso Pasquale Luperti e dalla consigliera Marika Rollo, entrambi del gruppo Coerenti per Brindisi) attraverso la quale l’amministrazione viene invitata a vagliare l’ipotesi di internalizzare il servizio costituendo una società in house (una sorta di Amiu brindisina) ad hoc.

Si tratta solo di un suggerimento di cui si dovrà valutare la fattibilità tecnica ed economica, con relativo piano industriale che dimostri la convenienza dell’operazione. Nei prossimi giorni si valuteranno anche altri percorsi in attesa che l’ufficio Contratti metta una parola fine alla vicenda Falzarano, revocando l’affidamento (in questo caso, l’amministrazione tratterrebbe la fidejussione versata dalla società a garanzia dei propri impegni).

Qualsivoglia decisione non potrà non passare da un confronto con il commissario regionale dell'Agenzia Territoriale della Regione Puglia per il Servizio di Gestione dei Rifiuti, Gianfranco Grandaliano, al quale nei prossimi giorni verrà inoltrata una relazione sulla situazione dei rifiuti a Brindisi. Di certo c’è che non si uscirà da questa impasse in tempi rapidi, sebbene i disagi patiti dalla cittadinanza a causa dell’inefficienza con cui viene espletato il servizio di raccolta dei rifiuti richiedano interventi immediati.

A tal proposito i responsabili della ditta Ecologica Pugliese sono stati convocati dal segretario generale del Comune di Brindisi, per valutare gli effetti della recente sentenza del Tar che ha annullato gran parte delle multe inflitte all’azienda per il mancato raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata. E’ ormai evidente che l’azienda barese non riesce più a tenere pulite le strade.

Per questo l’ufficio Ecologica e Ambiente ha preso la decisione di affidare alla Multiservizi, che già si occupa delle manutenzione delle aiuole comunali, il servizio di taglio dell’erba lungo le strade. Non solo. Nei prossimi giorni si potrebbero affidare alla partecipata anche gli interventi di derattizzazione, deblattizzazione e disinfestazione. Perché con l’arrivo della bella stagione, topi e scarafaggi cominciano a circolare liberamente fra i cumuli di erbacce che sommergono strade e marciapiedi. Una situazione davvero insostenibile per una cittadinanza già gravata da una delle tariffe Tari più alte d’Italia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento