Cronaca

In manette famiglia di ladri di rame: razzie nella ex Base Usaf

Stavano spogliano le strutture della ex Base Usaf di ogni metallo asportabile. Una banda composta da cinque persone, tutte appartenenti alla stessa famiglia, è stata individuata dai carabinieri di Brindisi

La ex Base Usaf in foto d'epoca. Sotto, nell'ordine, Antonio, paolo e Francesco Rillo, poi Sebastiano Balestra e Andrea Rillo

BRINDISI - Stavano spogliano le strutture della ex Base Usaf di ogni metallo asportabile. Una banda composta da cinque persone, tutte appartenenti alla stessa famiglia, è stata individuata dai carabinieri di Brindisi che in queste ora stanno eseguendo nei  confronti di questi indagati altrettante ordinaze di custodia cautelare per furto aggravato e continuato in concorso.

Base Usaf- Lo smontaggio della grande antenna dopo la cessazione dell'attivitàI ladri penetravano nel perimetro della ex struttura militare, restituita anni fa al Ministero della Difesa italiano, e affidata in custodia all'Aeronautica Militare, tranciando e asportando i cavi in rame, recinzioni metalliche e altro materiale ferroso. tutto veniva rivenduto in zona dagli stessi ladri. Notizie più dettagliata sull'operazione saranno comunicate nella mattinata.

L'attività investigativa dei carabinieri della compagnia di Brindisi prese le mosse da un fatto avvenuto il 9 maggio 2015.Sparatoria in un deposito di rottami: ferita leggermente una persona
Un colpo d'arma da fuoco ferì di striscio una persona all'interno di una impresa che si trova sulla complanare nei pressi del centro commerciale della statale 7 Brindisi-Taranto, la Eco Rottami. Non fu subito chiaro se si fosse trattato di un tentativo di rapina oppure di un ferimento premeditato. Chi aveva sparato era a bordo di una vecchia berlina Alfa Romeo, una 164.

Sparatoria in un deposito di rottami: ferita leggermente una persona

Ferimento Eco Rottami 2-2-2 La 164 era piombata nel piazzale della Eco Rottami, dalla vettura furono esplosi cinque colpi di arma da fuoco, dopo di che il commando fuggì in direzione di Brindisi. La 164 fu poi abbandonata e data alle fiamme nei pressi del quartiere S.Elia. Il ferito, Valerio Semeraro, fu ricoverato al Perrino di Brindisi: gli autori del raid avevano mirato alle gambe esplodendo vari colpi.

GLI INDAGATI

RILLO ANTONIO-2RILLO PAOLO-2RILLO FRANCESCO-2Sono stati sottoposti agli arresti domiciliari Antonio Rillo 24 anni, Paolo Rillo 25 anni; Francesco Rillo 24 anni, mentre sono stati sottoposti all’obbligo di dimora Andrea Rillo 31 anni e Salvatore Balestra 28 anni. La banda al momento non viene messa in relazione con la spedizione punitiva ed il ferimento del 9 maggio dello scorso anno, ma i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia del capoluogo hanno appurato che la stessa avvenne per colpire i titolari della Eco Rottami, che si erano rifiutati di acquistare una partita di metalli rubati.

BALESTRA SALVATORE-2RILLO ANDREA-2I furti accertati ai danni delle strutture della ex Base Usaf, invece, sono tre: per i ladri, la base abbandonata dalla fine degli anni Novanta era una gigantesca miniera da cui estrarre cablaggi elettrici e telefonici, strutture metalliche di ogni genere. Bisognava solo eludere la sorveglianza affidata ad un istituto di vigilanza privato, come avviene per i campi fotovoltaici. Poi il materiale veniva ceduto a raccoglitori compiacenti.

Potrebbe interessarti: https://www.brindisireport.it/cronaca/ferito-da-colpo-di-arma-da-fuoco-operaio-di-un-deposito-di-rottami-a-Brindisi.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BrindisiReportit/129694710394849

Potrebbe interessarti: https://www.brindisireport.it/cronaca/ferito-da-colpo-di-arma-da-fuoco-operaio-di-un-deposito-di-rottami-a-Brindisi.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/BrindisiReportit/129694710394849

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In manette famiglia di ladri di rame: razzie nella ex Base Usaf

BrindisiReport è in caricamento