menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Compagnia carabinieri di Fasano

Compagnia carabinieri di Fasano

Fasano, denunce e perquisizioni

FASANO – Ondata di denunce e perquisizioni da parte dei carabinieri della Compagnia di Fasano al comando del capitano Gianluca Sirsi.

FASANO - Ondata di denunce e perquisizioni da parte dei carabinieri della Compagnia di Fasano al comando del capitano Gianluca Sirsi, impegnati negli ultimi giorni in una fitta rete di controlli del territorio. I militari hanno effettuato complessivamente 12 perquisizioni personali e domiciliari, identificato 182 persone e controllati 112 veicoli, oltre a 22 esercizi pubblici. Inoltre, sono state elevate 18 contravvenzioni al codice della strada.

Nello specifico, i militari hanno denunciato a piede libero il 27ene A.L., di Locorotondo, e il 26enne A.R., di Martina Franca, per guida in stato d'ebrezza. Il 26enne di origine tunisina F.J., già noto alle forze dell'ordine, colpito da decreto di espulsione emesso dalla Questura di Brindisi per essere stato sorpreso con permesso di soggiorno scaduto, è stato accompagnato presso il Centro di prima accoglienza di Trapani-Milo.Il 26enne A. F., di Fasano, sottoposto a libertà controllata, è stato denunciato per non essersi presentato presso la stazione di Fasano ad apporre la firma di controllo giornaliera.

A Pezze di Greco, sono state emesse 3 sanzioni amministrative nei confronti di altrettanti stranieri (il 56enne pakistano A.R. e i cinesi S.C., di 40 anni, e Y.C., di 49 anni) sorpresi ad esercitare l'attività di commercianti abusivi, senza gli opportuni permessi.A Ostuni, è stata segnalata alle autorità comunali l'esistenza di due siti, nelle contrade Montelamorte e Gorgognolo, in cui erano stati depositati materiali di risulta, elettrodomestici e rifiuti ingombranti. I militari, al contempo, hanno richiesto l'emissione di un'ordinanza di bonifica delle 2 aree.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento