menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fasano, dieci giorni di eventi per la festa patronale: chiude Fabio Concato

Presentati i calendari delle manifestazioni "Festa patronale" e "Giugno fasanese" che si svolgeranno a partire da sabato 11 per concludersi lunedì 20 giugno prossimo col concerto in piazza Ciaia di Fabio Concato

FASANO - Presentati oggi pomeriggio in conferenza stampa, nella Sala di rappresentanza del Palazzo municipale, i calendari delle manifestazioni “Festa patronale” e “Giugno fasanese” che si svolgeranno, in un intersecarsi di date ed appuntamenti ad ingresso libero, a partire da sabato 11 per concludersi lunedì 20 giugno prossimo col concerto in piazza Ciaia di Fabio Concato accompagnato, per l’occasione, dal trombettista jazz Fabrizio Bosso.  Messe a punto dai comitati “Feste patronali” e “Giugno fasanese – la Scamiciata”, le iniziative godono del patrocinio del Comune.

da sinistra, Latorre, Palasciano, Cicoria, Ancona-2

Hanno presenziato alla conferenza il commissario straordinario del Comune Erminia Cicoria che ha sottolineato «il grande sforzo messo in campo dai due sodalizi organizzatori e la necessità del coinvolgimento dei giovani nei festeggiamenti in onore dei Santi Patroni, pena il rischio di far andare nell’oblio simili iniziative. Vedo – ha aggiunto – che in queste programmazioni lo sforzo in questa direzione è stato compiuto».  Il presidente del comitato organizzatore della “Festa patronale” Peppino Ancona che ha spiegato «come le luminarie sono state appositamente realizzate per Fasano dalla ditta produttrice e che, dinanzi alla facciata centrale del Palazzo municipale, le lampadine disegnano il rosone della chiesa Matrice: una vera e propria opera d’arte che è piaciuta al comune di Matera, che ha richiesto l’installazione delle stesse luminarie a luglio prossimo, in occasione della festa patronale detta “Della Bruna” che si svolge lì».

Il direttore artistico del “Giugno fasanese” Peppino Palasciano ha rimarcato «l’autenticità della rievocazione storica della Scamiciata: non ci siamo inventati nulla, semmai abbiamo operato un lavoro di studio sull’aspetto storico e dei costumi del periodo» e a chi ha sostenuto che occorrerebbe ricercare un nuovo modo di reperire i fondi per la Festa patronale, in luogo della consueta questua cittadina, Palasciano ha, invece, affermato «che la questua è l’essenza stessa di una Festa patronale, poiché simboleggia la partecipazione di tutti i cittadini ai festeggiamenti patronali che sono, da sempre, i festeggiamenti rappresentativi di una comunità. La referente del comitato “Giugno fasanese – la Scamiciata” Margherita Latorre ha voluto sottolineare «lo sforzo compiuto per dare a Fasano una degna programmazione della Scamiciata, nonostante la crisi e la penuria di finanziamenti; basti pensare, ad esempio, che per avere da noi il gruppo di musica etnica “Kerkyra” dalla Grecia, abbiamo dovuto chiedergli di autotassarsi per stare qui nella giornata conclusiva della “Scamiciata”, e così sarà, grazie alla loro sensibilità».

Le iniziative si apriranno sabato 11 alle ore 20 nella masseria “Notarangelo” col convegno “La Festa patronale di Fasano: storia, arte, devozione, tradizioni. L’esempio della Scamiciata”. Domenica 12, invece, alle ore 20 si terrà il pellegrinaggio del locale corteo storico la “Scamiciata”, da Pezze di Greco al santuario Maria SS. di Pozzo Faceto; mercoledì 15 alle 20.30 in piazza Ciaia si terrà lo spettacolo-balletto della “New Top Dance”, mentre giovedì 16 a partire dalle ore 20 si terrà nel centro storico cittadino “Correva l’anno…1678”, scene di vita barocca con spettacolo di danza della “Yalla Dance” in piazza Ciaia e rassegna “Fasan Fest Food” (alla sua prima edizione) in corso Vittorio Emanuele a partire dalle ore 21: si potranno degustare specialità culinarie tipiche locali preparate da ristoratori fasanesi.

Venerdì 17 si terrà, a partire dalle ore 18 nei pressi della villa comunale, la “Festa dei cortei storici d’Italia” che quest’anno, accanto al corteo storico locale della “Scamiciata”, vedrà sfilare per le vie principali della città i cortei “Pistonieri Archibugeri di S. Maria del Rovo” (di Cava de’ Tirreni - Sa), “Aquavivae ab Aragonia” (di Conversano – Città Metropolitana di Bari), “Nundinae” (di Gravina – Città Metropolitana di Bari), “La battaglia tra Turchi e Cristiani” (di Tollo – Ch – ormai gemellato con il corteo storico fasanese), “Il Corteo del Balì Carafa” (di Putignano – Città Metropolitana di Bari); alle 18.30 vi sarà in piazza Ciaia la cerimonia simbolica della “Consegna delle chiavi” della città ed alle 20 l’”Intronizzazione delle sacre immagini” dei santi patroni Maria SS. di Pozzo e Giovanni Battista contestualmente all’accensione delle luminarie nel centro di Fasano ed allo spettacolo pirotecnico della ditta “Fireworks”; seguirà alle ore 21.30 il tributo al musical “Grease” della locale associazione “Glitter Academy” con Giuseppe Verzicco, della “Compagnia della Rancia”, come ospite della serata.

Figuranti in conferenza stampa-2

Sabato 18 alle ore 18.30 nei pressi della villa comunale si terrà la “Scamiciata”, la sfilata del locale corteo storico (con oltre 300 figuranti) rievocativo della vittoria dei Fasanesi sui Turchi invasori del 2 giugno 1678, mentre alle ore 21 con l’arrivo del corteo (e dei rappresentanti dei cortei storici ospiti) in piazza Ciaia si terrà lo spettacolo “Ritmi e suoni del Mediterraneo” con la partecipazione dei gruppi folk “Gruppo etnico Kerkyra” (di Corfù – Grecia), “La Pacchianella” (di Pisticci – Mt), “Zi-Zaghini” (di San Giovanni in Galdo – Cb), “Centro danze orientali Yalla Dance” (di Fasano); contemporaneamente, ai Portici delle Teresiane, musica per tutti i gusti.

Domenica 19 si terrà alle ore 9 il giro per la città dei gruppi bandistici ospiti, mentre alle ore 10 ai Portici delle Teresiane si esibirà il “Gran Concerto Bandistico Piantoni – Città di Conversano” diretto da Susanna Pescetti, alle ore 11 la locale banda “Santa Cecilia” suonerà nella casa di riposto “Sancta Maria Regina Pacis” per far «vivere anche agli allettati ospiti un momento della Festa patronale» ha spiegato Peppino Ancona; alle ore 18.30 la processione per i Santi patroni ed alle 19.45 la concelebrazione eucaristica in piazza Ciaia presieduta da mons. Giuseppe Favale, nuovo vescovo della diocesi Conversano-Monopoli (di cui fa parte Fasano); alle 21.30 dopo lo spettacolo pirotecnico si terrà il concerto del gruppo “Swing & Soda”, mentre ai Portici delle Teresiane si esibirà lo stesso gruppo bandistico della Città di Conversano, cui seguirà, intorno alla mezzanotte e trenta, il “Gran spettacolo pirotecnico” della “Fireworks”. Lunedì 20 alle ore 9 si terrà il giro per la città di gruppi bandistici, mentre alle 10, ai Portici delle Teresiane, si esibirà il “Gran Concerto Bandistico – Città di Racale” diretto da Grazia Donadeo, che tornerà a suonare anche alle ore 21, mentre in piazza Ciaia, a partire dalle ore 22, si terrà il concerto di Fabio Concato che, per l’occasione, sarà accompagnato dal trombettista jazz Fabrizio Bosso.

Fabio-Concato-03-2

Le varie manifestazioni vedono la collaborazione dei locali sodalizi “Lions Fasano Egnazia”, “Rotary”, centro studi “Valerio Gentile”, confraternita del Purgatorio, “Ulivovivo”, “Peppino Mancini”, “U’mbracchie”, “Impronte di Puglia”, 1° Circolo didattico, “Croce rossa”, “Le Nove Muse”, oltre al gruppo teatrale “Stabile di Alberobello” (della Città Metropolitana di Bari) ed al gruppo degli “Sbandieratori e Musici” del comune di Capurso (della Città Metropolitana di Bari).                      

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento