menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Gli investigatori illustrano l'operazione Fast Line

Gli investigatori illustrano l'operazione Fast Line

Fast Line, scarcerato Calò

OSTUNI - Scarcerato dal tribunale del Riesame, Angelo Calò, il commercialista ostunese coinvolto nell'inchiesta Fast Line.

OSTUNI - Scarcerato dal tribunale del Riesame, Angelo Calò, il commercialista ostunese coinvolto nell'inchiesta Fast Line nell'ambito della quale sono stati arrestati oltre al boss Albino Prudentino, anche un avvocato, Italo Sgura, e l'ex presidente dell'Ordine dei commercialisti di Brindisi, Gian Paolo Zeni.

Per Calò, l'avvocato Mario Guagliani, dinanzi ai giudici del Tribunale della Libertà di Lecce che hanno depositato il dispositivo già nel pomeriggio di oggi, ha puntato tutto sull'assenza dei gravi indizi di colpevolezza. Le motivazioni saranno invece rese note successivamente. Non avrebbe avuto ruolo determinante, secondo la difesa, Calò, che avrebbe agito, per quanto sostenuto nel ricorso e anche durante la discussione, questa mattina, nell'ambito della sua attività professionale.

A Calò viene contestato di aver contribuito a realizzare una fattura falsa da 500 mila euro. Dopo Bonaventura Cucci, è il secondo indagato dei 19 attinti da misura cautelare, a tornare in libertà. Rigettate le istanze al gip per gli altri, si attende anche per costo la fissazione dell'udienza la Riesame.

E' stato intanto conferito stamani l'incarico a due medici, Roberto Vaglio e Serafino De Giorgi, per valutare le condizioni di salute dell'avvocato Italo Sgura che è ricoverato dal momento del blitz in una stanza dell'ospedale di Ostuni. Le sue condizioni di salute lo renderebbero incompatibile con la detenzione carceraria. Potrebbe quindi, all'esito della consulenza, con il parere favorevole del pm, ottenere gli arresti domiciliari.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento