Cronaca

Sparatoria in un deposito di rottami: ferita leggermente una persona

Un colpo d'arma da fuoco ha ferito di striscio una persona all'interno di una impresa che si trova sulla complanare nei pressi del centro commerciale della statale 7 Brindisi-Taranto, la Eco Rottami. Il fatto è accaduto poco prima delle 10

BRINDISI - Un colpo d'arma da fuoco ha ferito di striscio una persona all'interno di una impresa che si trova sulla complanare nei pressi del centro commerciale della statale 7 Brindisi-Taranto, la Eco Rottami. Il fatto è accaduto poco prima delle 10 e sul posto ci sono i carabinieri del Nucleo radiomobile di Brindisi per le prime indagini. Non è ancora chiaro se si sia trattato di un tentativo di rapina oppure di un ferimento premeditato. Chi che ha sparato era a bordo di una vecchia berlina Alfa Romeo, una 164.

ferimento eco rottami 5-2Secondo le prime ricostruzioni, gli individui a bordo dell'auto era cinque. La 164 è piombata nel piazzale della Eco Rottami, dalla vettura sono stati esplosi cinque colpi di arma da fuoco, dopo di che il commando è fuggito in direzione di Brindisi. La 164 è stata abbandonata e data alle fiamme nei pressi del quartiere S.Elia. Il ferito, Valerio Semeraro, è stato ricoverato al Perrino di Brindisi: gli autori del raid hanno mirato alle gambe esplodendo, come già detto, vari colpi di pistola, ma anche di fucile. I bossoli sono stati repertati sia all'interno che all'esterno del perimetro dell'azienda.

ferimento eco rottami 4-2

La dinamica dei fatti, tuttavia, lascia ritenere che si sia trattato di un'azione mirata contro l'azienda della famiglia Semeraro. I carabinieri stanno ascoltando i presenti ed i parenti del ferito per ricostruire il movente della spedizione criminosa di questa mattina. L'auto bruciata è stata sequestrata e rimossa e sarà esaminata dal personale delle investigazioni scientifiche dell'Arma, per tentare l'individuazione di elementi utili risparmiati dal fuoco.

ferimento eco rottami 7-2

L’auto, che dopo alcuni accertamenti è risultata rubata circa un mese fa, è arrivata a velocità sostenuta davanti allo spiazzo d’entrata della ditta Eco Rottami, chi era al volante ha fatto una manovra d’inversione mentre dal lato passeggeri sono stati esplosi diversi colpi d’arma da fuoco verso Valerio Semeraro, amministratore e socio della Eco Rottami, società che da anni opera nel settore dello smaltimento e recupero rifiuti riciclabili. Per puro caso Semeraro non ha riportato ferite più gravi. L’Alfa ha ripreso la strada tornando nella stessa direzione da dove era giunta, ovvero verso il centro commerciale. I carabinieri della compagnia di Brindisi al comando del capitano Luca Morrone, dopo poche decine di minuti hanno rinvenuto l’auto, completamente bruciata, nelle campagne adiacenti il quartiere Sant’Elia, a poche centinaia di metri, in linea d’aria, da dove è avvenuta la sparatoria.

Valerio Semeraro, 54 anni, il 25 agosto 2011 fu deferito a piede libero assieme all'amministratore pro tempore dell'azienda, per ricettazione di 350 chili di rame di illecita provenienza. Nel corso dello stesso servizio, effettuato proprio dai carabinieri, a Francavilla Fontana furono rinvenuti altri 600 chili di rame rubato, e fu denunciato il titolare di un'altra ditta di raccolta di materiali metallici. I militari della compagnia di Brindisi non escludono perciò nessuna pista per inquadrare il contesto del raid di questa mattina.

NOTA DERLL’AVVOCATO PER CONTO DI VALERIO SEMERARO - "Nella qualità di Avvocato di Fiducia della Ecorottami srl corrente in Brindisi alla SS 7 chiedo la retifica di alcune parti della notizia pubblicata in data 09.05.2015 sul giornale OnLine relativa alla sparatoria verificatasi prima delle ore 10,00 nell'area della Azienda. E' dato leggere che a carico del Sig. Semeraro Valerio sono pendenti procedimenti penali  per ricettazione.
Detta notizia  non corrispondente assolutamente a verità  Pertanto si chiede che possa essere pubblicata la rettifica della notizia smentendo che a carico del Sig. Valerio Semeraro vi siano procedimenti penali pendenti e ne tanto meno per ricettazione".

RISPOSTA DELLA REDAZIONE -  Come si evince dall’articolo noi non abbiamo mai scritto che vi sono procedimenti pendenti pendenti per ricettazione a carico di Valerio Semeraro, ma solo che in data 25 agosto 2011 è stato oggetto di indagine da parte dei carabinieri del comando provinciale di Brindisi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria in un deposito di rottami: ferita leggermente una persona

BrindisiReport è in caricamento