Sabato, 23 Ottobre 2021
Cronaca Mesagne

Festa dei lavoratori, Boldrini: "Punire anche chi usa i caporali"

La piaga del caporalato è stato il tema affrontato dal presidente della Camera, Laura Boldrini, nel corso dell'evento organizzato dalla Cgil Puglia presso Masseria Canali per celebrare la festa dei lavoratori

MESAGNE – La piaga del caporalato è stato il tema affrontato dal presidente della Camera, Laura Boldrini, nel corso dell’evento organizzato dalla Cgil Puglia presso Masseria Canali (bene confiscato alla mafia situato nell’agro di Mesagne, sulla strada provinciale per San Vito dei Normanni) per celebrare la festa dei lavoratori. Ad accogliere la Boldrini c’era il gruppo “Scigghiate”, che ha intonato dei canti del lavoro pugliese sulle rivolte contadine e un inedito sul caporalato.

Presenti anche alcuni sindaci del Brindisino e vari esponenti della politica locale, oltre alla rappresentante dell’ufficio di presidenza di Libera Festa del lavoro, Masseria Canali 5-2Nazionale, Daniela Marcone. La parlamentare ha preso la parola nell’ambito di un dibattito moderato dalla giornalista Raffaella Cosentino, durante il quale sono intervenuti il presidente di Libera Terra,  Alessandro Leo, il segretario generale della Cgil Brindisi, Michela Almiento, il segretario generale della Cgil Puglia, Gianni Forte, e il segretario nazionale della Flai Cgil, Giovanni Minnini.

Il caporalato, dunque, è stato l’argomento dominante della discussione. Si tratta di un fenomeno tornato alla ribalta poche settimane fa, grazie a un’indagine dei carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana che ha portato all’arresto di due presunti caporali (madre e figlia) di Villa Castelli, facendo emergere le condizioni di vera e propria schiavitù in cui erano costrette a lavorare alcune braccianti del posto che quotidianamente si spaccavano la schiena nei campi, per salari da fame.

Laura Boldrini durante l'intervista con Lucia Annunziata-2-2Le vittime erano soprattutto donne. Questo aspetto è stato rimarcato dalla Boldrini, che ha manifestao la necessità “riportare al centro questo tema che è una vera piaga per la nostra società, una piaga che tocca anche molte donne e forse anche in maniera più spietata". "Abbiamo visto - ha spiegato la Boldrini - che sono morte donne sfiancate dalla fatica. Bisogna continuare nell'impegno sia a livello legislativo, e questo lo stiamo facendo, ma anche a livello di ispezioni, di monitoraggio. Ci dev'essere più trasparenza nell'incontro tra domanda e offerta".

"Dobbiamo avere - conclude la Boldrini - una banca dati delle aziende agricole, delle liste dei lavoratori agricoli, dobbiamo fare in modo che chi usa i caporali venga punito così come i caporali stessi, perché non farlo va a svantaggio delle aziende sane, le aziende pulite oltre che dei lavoratori e delle lavoratrici". 

Il programma originario della giornata prevedeva una visita della Boldrini alla Scuola di gastronomia pugliese “Med coking school” di Ceglie Messapica, subito dopo la fine della manifestazione. Impegni sopraggiunti nelle ultime ore, però, hanno fatto saltare questo appuntamento. Nel pomeriggio, la Boldrini è stata intervistata in video collegamento da Lucia Annunziata, durante il programma "In mezz'ora" (foto a sinistra).

Le foto sono state pubblicate sul profilo Facebook istituzionale della città di Mesagne

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Festa dei lavoratori, Boldrini: "Punire anche chi usa i caporali"

BrindisiReport è in caricamento