menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiamme in un cortile condominiale: quattro auto a fuoco, fra cui quella di un sindacalista

Si sono vissuti momenti di grande trepidazione la scorsa notte (26/27 agosto) nel cortile di un condominio situato in via Egnazia 31, al rione Paradiso, dove si è sviluppato un incendio che ha interessato ben quattro auto

BRINDISI – Si sono vissuti momenti di grande trepidazione la scorsa notte (26/27 agosto) nel cortile di un condominio situato in via Egnazia 31, al rione Paradiso, dove si è sviluppato un incendio che ha interessato ben quattro auto. Tre di queste (una Fiat Multipla, una Citroen C3 e una Fiat 500) hanno riportato danni rilevanti. La quarta, una Peugeote 206, è stata solo lambita dalle fiamme, ma comunque non è uscita indenne dal rogo.

I residenti che intorno alle ore 2 si sono svegliati di soprassalto si sono imbattuti in una scena apocalittica. I veicoli si trovavano parcheggiati l'uno affianco all'altro, in un piazzale in sterrato situato entro il perimetro del complesso condominiale, costituito da diversi palazzi. La caserma dei vigili del fuoco si trova a circa un chilometro dall'edificio.

Incendio via Egnazia 31-2

I pompieri hanno impiegato pochissimi minuti per raggiungere il posto. Il loro operato si è rivelato decisivo per limitare le conseguenze, comunque rilevanti, dell'incendio. I rilievi del caso sono stati effettuati dai poliziotti della Sezione volanti. Una volta domate le fiamme, sono entrati in azione anche gli esperti della Scientifica.

La dinamica dei fatti è ancora da chiarire. Il rogo pare sia partito dalla Multipla intestata al sindacalista Cosimo Greco, segretario provinciale della Uil Trasporti, la cui parte anteriore è stata devastata dalle lingue di fuoco, per poi propagarsi al resto delle vetture. Sull'origine della combustione, ancora da appurare, incombe l'ombra del dolo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento