rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Cronaca San Michele Salentino

Minacce e percosse agli anziani genitori: arrestato dopo anni di maltrattamenti

Un 43enne estorceva somme di denaro e pretendeva l'utilizzo dell'auto. Quando sono arrivati i carabinieri, intervenuti su segnalazione di un'assistente sociale, ha tentato di colpirli con calci e pugni

SAN MICHELE SALENTINO – Per anni ha maltrattato e minacciato gli anziani genitori disabili, pretendendo somme di denaro o l’utilizzo di somme della loro auto. Ieri (sabato 30 marzo) si è scagliato contro i carabinieri, intervenuti su segnalazione di un’assistente sociale, tentando di colpirli con calci e pugni. Un 43enne di San Michele Salentino è stato arrestato in flagranza di reato per i reati di maltrattamenti in famiglia aggravati, estorsione e resistenza a pubblico ufficiale. 

L’ennesimo episodio di prevaricazione ai danni della madre e del padre, entrambi 70enni, si è verificato nella tarda mattinata di sabato. Dopo aver ricevuto la segnalazione di un assistente sociale del posto che seguiva da tempo la famiglia, i carabinieri della locale stazione sono subito interventi. 

Una volta giunti all’interno dell’abitazione, i militari sono stati aggrediti dal 43enne, ma rapidamente lo hanno bloccato. Poi gli investigatori, grazie alla testimonianza delle vittime, hanno fatto luce su una serie di maltrattamenti che da anni si verificavano in ambito familiare. L’arrestato, infatti, con un vissuto problematico, avrebbe tenuto costantemente in scacco gli anziani, minacciandoli più volte. In alcune circostanze è arrivato a percuoterli, estorcendo denaro e l’utilizzo della loro vettura. I due coniugi, insomma, hanno attraversato un calvario fatto di mortificazioni e maltrattamenti continui. 

Dopo le formalità di rito, il 43enne è stato trasferito, in regime di domiciliari, presso un’abitazione di famiglia diversa da quella in cui risiedono i genitori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minacce e percosse agli anziani genitori: arrestato dopo anni di maltrattamenti

BrindisiReport è in caricamento