menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Operazione antidroga dei carabinieri nel Brindisino

Operazione antidroga dei carabinieri nel Brindisino

Flash/ Blitz antidroga, 14 arrestati

Cercavano un latitante, lo hanno trovato ma anche localizzato una quindicina di pony express della droga, “giovanotti” fino ai 57 anni che andavano ‘in tour’ a portare agli assuntori coca, hascisc e marijuana. A Ostuni, Francavilla Fontana, e soprattutto a Carovigno.

Cercavano un latitante, lo hanno trovato ma anche localizzato una quindicina di pony express della droga, "giovanotti" fino ai 57 anni che andavano 'in tour' a portare agli assuntori coca, hascisc e marijuana. A Ostuni, Francavilla Fontana, e soprattutto a Carovigno. Stamani è scattato il blitz: i carabinieri del Nucleo investigativo provinciale hanno eseguito 14 ordinanze di custodia cautelare chieste dal pm Milto Stefano De Nozza e disposte dal gip Giuseppe Licci. Sono 16 gli indagati: due sono minorenni e sono rimasti in libertà, 9 sono finiti in carcere e 5 agli arresti domiciliari.

Le indagini dei carabinieri sono state avviate nel dicembre 2011 ed erano mirate alla cattura del latitante Donato Claudio Lanzillotti, poi arrestato il 4 aprile del 2012. Dalle intercettazioni telefoniche è emersa l'esistenza di un gruppo di spacciatori di ogni età ma in gran parte ventenni che operava in una zona estesa della provincia di Brindisi. Nell'ambito della stessa operazione, sempre tramite le conversazioni telefoniche, sono stati trovati riscontri alla denuncia di una donna che subiva atteggiamenti persecutori dall'ex marito.

E' stato infatti rilevato che egli, estraneo al contesto di spaccio, aveva incaricato alcune delle persone coinvolte nell'inchiesta di incendiare l'abitazione della donna, fatto effettivamente poi avvenuto. Il mandante, coniuge che non accettava la separazione, è stato arrestato per il reato di stalking. Aveva dato l'ordine di appiccare l'incendio anche se in casa ci fossero stati la ex compagna ed i figli. Le persone indagate nell'operazione denominata Tour sono ritenute responsabili, a vario titolo, di detenzione e cessione in concorso di sostanze stupefacenti, porto di pistola in luogo pubblico, e dei già citati atti persecutori nei confronti della donna, e di incendio.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento