menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Suv della rapina a Cosimo Scialpi

Il Suv della rapina a Cosimo Scialpi

Flash/ Il killer è uno della rapina agli Scialpi

BRINDISI - E' uno dei due cugini omonimi che nella notte tra il 29 ed il 30 aprile 2012 nelle campagne di Brindisi aggredirono, sequestrarono, picchiarono a sangue i coniugi Cosimo Scialpi e Caterina De Maria (all'uomo spararono anche un colpo di pistola), il killer dell'ostunese Cosimo Semeraro.

BRINDISI - E' uno dei due cugini omonimi che nella notte tra il 29 ed il 30 aprile 2012 nelle campagne di Brindisi aggredirono, sequestrarono, picchiarono a sangue i coniugi Cosimo Scialpi e Caterina De Maria (all'uomo spararono anche un colpo di pistola), il killer dell'ostunese Cosimo Semeraro, 36 anni, detto Mimmo Capellone, finito a fucilate attorno alla mezzanotte tra l'8 e il 9 novembre 2007. Si tratta di Nicola Chirico di 44 anni, di San Michele Salentino (il parente è invece di Brindisi e maggiore di un anno).

Lo hanno detto oggi il procuratore capo Marco Dinapoli e gli investigatori del Nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri di Brindisi in una conferenza stampa attualmente in corso a Brindisi, presso la Procura della Repubblica. Il cadavere di Cosimo Semeraro fu rinvenuto la mattina del 9 novembre in una strada vicinale di contrada Foggia Nuova, nelle campagne tra Ostuni e Cisternino. L'identificazione di Chirico è avvenuta grazie al test del Dna, a poco più di sei anni dall'omicidio.

Il suo Dna Nicola Chirico - lo stesso dicasi per il cugino - lo aveva lasciato sotto forma di traccia ematica su un airbag di un suv Volvo XC 60, proprio la notte della fuga dalla casa degli Scialpi, un deposito di rifiuti speciali sulla strada per Tuturano. I due banditi si erano infatti schiantati contro un muro a secco. E la comparazione con il Dna dei sospettati, tra i quali i Chirico, chiuse il cerchio della vicenda il 29 agosto del 2012, quando furono arrestati sempre dai carabinieri. Adesso grazie a quella traccia dovrà rispondere anche dell'omicidio di Ostuni. Altri particolari nel prossimo servizio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento