rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Flash/ Rapina e botte, presi 2 brindisini

BRINDISI – Sono stati già catturati dalla polizia, e sono brindisini, i due rapinatori che poco prima dell’orario di chiusura, il 4 novembre avevano svaligiato la gioielleria “Arte Orafa” in via XX Settembre, a Nardò, tenendo in ostaggio per lunghi minuti il proprietario Davide Ronzino e una commessa. L’operazione è stata condotta dalla Squadra mobile di Brindisi in collaborazione con il commissariato di Nardò, e i particolari delle indagini saranno resi noti stamani nel corso di una conferenza stampa in questura.

BRINDISI - Sono stati già catturati dalla polizia, e sono brindisini, i due rapinatori che poco prima dell'orario di chiusura, il 4 novembre avevano svaligiato la gioielleria "Arte Orafa" in via XX Settembre, a Nardò, tenendo in ostaggio per lunghi minuti il proprietario Davide Ronzino e una commessa. L'operazione è stata condotta dalla Squadra mobile di Brindisi in collaborazione con il commissariato di Nardò, e i particolari delle indagini saranno resi noti stamani nel corso di una conferenza stampa in questura.

La tecnica applicata alla rapina - che avrebbe fruttato ai banditi, secondo le prime ricostruzioni, un bottino del valore di 50mila euro - è ricorrente nella azioni condotte in trasferta da soggetti della nuova malavita brindisina. Ingresso in gioielleria, come finti clienti, poi l'aggressione e le minacce con le armi alle vittime, spesso le percosse, come è avvenuto anche a Nardò, dove l'orafo Davide Ronzino fu colpito al capo col calcio della pistola da uno dei due rapinatori, mentre cercava di sbarrare loro la strada verso la cassaforte.

Contusioni anche per la commessa, che poi fu legata assieme al suo datore di lavoro, restando nelle mani dei due rapinatori per lungo tempo, anche perché a quell'ora molto difficilmente si sarebbe potuto presentare al negozio un vero cliente, malgrado "Arte Orafa" si trovi a breve distanza dalla centralissima piazza della Repubblica. I due banditi, prima di fuggire a piedi, pare fossero riusciti ad strappare dal sistema interno di videosorveglianza le cassette con le registrazioni.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flash/ Rapina e botte, presi 2 brindisini

BrindisiReport è in caricamento