Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Folle inseguimento sulla superstrada si conclude con arresto

In carcere sono finiti un 35enne e un 34enne. Accusati di furto aggravato e possesso ingiustificato di chiave alterata

BRINDISI – Si è concluso con un arresto per furto aggravato e possesso ingiustificato di chiave alterata, un inseguimento ingaggiato la notte scorsa tra i carabinieri e due auto che procedevano a folle velocità sulla strada statale Lecce-Brindisi. In carcere sono finiti Antonio Scapecchi, 35 anni e Daniele Spedicato 34 anni, entrambi di Brindisi.

Viaggiavano su due auto diverse, una Fiat Punto e una Lancia Y a forte velocità e a breve distanza l’una dall’altra, in direzione Brindisi. all’altezza di Torchiarolo sono stati intercettati dai carabinieri che hanno ingaggiato un inseguimento allertando la centrale operativa per richiedere ausilio.

Foto arresti Brindisi 5-2

Il dispositivo messo in atto ha permesso alla Sezione radiomobile di fermare la Fiat Punto nei pressi dell’area di servizio Q8 sulla SS 613 con alla guida Spedicato, e alla pattuglia del Nucleo investigativo di bloccare Scapecchi Antonio alla guida della Lancia Y. Quest’ultima è risultata essere stata rubata poco prima a Lecce, aveva blocchetto di accensione forzato per l’inserimento di un grimaldello.

All’interno della Fiat Punto, di proprietà di Spedicato, inoltre, sono stati trovati altri arnesi da scasso. La Lancia Y è stata restituita al legittimo proprietario. Tutto il materiale è stato sottoposto a sequestro. Gli arrestati, al termine delle formalità di rito, sono stati accompagnati presso la casa circondariale di Brindisi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Folle inseguimento sulla superstrada si conclude con arresto

BrindisiReport è in caricamento