menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pista abusiva da motocross individuata dai Forestali: scatta il sequestro

Era stata ricavata su un terreno agricolo nelle campagne di San Pietro Vernotico. Per il momento si procede a carico di ignoti, in attesa di individuare con esattezza le responsabilità sui reati edilizi

I Carabinieri Forestali della Stazione di Brindisi e del Nucleo Investigativo (Nipaaf) del Gruppo, sono intervenuti prontamente a verificare la regolarità dell’esercizio di attività di motocross su una pista ricavata su terreno agricolo alla periferia di San Pietro Vernotico. Richiamati dal rombo dei motori, i Militari hanno proceduto a fermare i motociclisti ed a identificarli, così come il possesso e la copertura assicurativa delle due ruote. Fin qui tutto in regola.

Non così per la pista, per ottenere la quale erano stati effettuati diffusi movimenti di terra, per ricavare dossi e cunette, senza alcun titolo abilitativo. Tutta l’area, per un estensione di circa un ettaro e mezzo, è stata sottoposta a sequestro penale preventivo, per aver realizzato lavori senza il prescritto permesso di costruire.

Sequestro pista motocross SPietroV2-2e

Sugli aspetti documentali della questione, gli accertamenti sono stati finora effettuati presso il proprietario; tuttavia l’informativa inoltrata alla Procura della Repubblica di Brindisi è per il momento a carico di ignoti, in attesa di individuare con esattezza le responsabilità sui reati edilizi contestati, per cui le indagini sono tuttora in corso.

Quest’ ultimo intervento dei Carabinieri Forestali si inquadra in una campagna di controlli mirata a verificare la compatibilità di talune attività, fra cui sicuramente motocross e trial con gli ambienti naturali, soprattutto se vincolati. E’ il caso del motociclista fermato e denunciato nel Bosco di Cerano, lo scorso febbraio, al Bosco del Cillarese a dicembre, così come dei numerosi episodi lungo le dune e le spiagge del litorale Nord della provincia (Specchiolla, Pilone, Torre Canne), dove, oltre ai danni alla vegetazione e a tutto l’ “habitat”, è evidente il disturbo alla fauna selvatica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Crolla il solaio di un capannone: un morto e quattro feriti

  • Emergenza Covid-19

    Coronavirus, Puglia: altri 30 decessi, aumentano i ricoveri

  • Cronaca

    Rapina in un negozio di casalinghi, in due fuggono con la cassa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento