Forte vento: alberi e rami spezzati, numerosi interventi dei vigili del fuoco

Già impegnati a spegnere diversi roghi di sterpaglie, canneti e rifiuti, sono stati chiamati anche per rimuovere alberi e rami caduti sulla sede stradale

BRINDISI – Il forte vento di maestrale che dal pomeriggio di domenica 12 luglio soffia sul Brindisino, non ha risparmiato gli alberi e i rami pericolanti. I vigili del fuoco, già impegnati a spegnere diversi roghi di sterpaglie, canneti e rifiuti, sono stati chiamati anche per rimuovere alberi e rami caduti sulla sede stradale. Come è accaduto sulla litoranea nord di Brindisi, la Sp 41, dove un grosso pino marino si è spaccato a metà finendo sulla carreggiata. Al quartiere Minnuta, invece, un grosso ramo è caduto sul un palo della pubblica illuminazione. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapinatori armati di mazza nel centro commerciale Le Colonne: caos tra gli avventori

  • Coronavirus: nuovo picco in Puglia, contagi in aumento a Brindisi

  • Nuovi contagi nelle scuole: positivi a Brindisi, Ostuni, Ceglie e Fasano

  • Positivi al covid andavano a lavorare in campagna: denunciati

  • Bambino positivo al Covid: lo sfogo della zia, contro ignoranza e maldicenze

  • Coronavirus, escalation di ricoveri. Nel Brindisino continuano ad aumentare i positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento