Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Francavilla Fontana

Oltre 600 grammi di marijuana: dopo l'arresto torna in libertà

Droga scoperta durante la perquisizione dei carabinieri. Il 52enne francavillese è sottoposto all'obbligo di dimora in seguito all'udienza di convalida

FRANCAVILLA FONTANA - Torna in libertà il 52enne francavillese - difeso dall'avvocato Antonio Andrisano - finito ai domiciliari dopo una perquisizione dei carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana. I militari avevano rinvenuto oltre 600 grammi di marijuana nella sua abitazione. Ieri (mercoledì 15 settembre) si è tenuta l'udienza di convalida. Il gip del Tribunale di Brindisi, Stefania De Angelis, ha revocato gli arresti domiciliari, disponendo l'obbligo di dimora, sempre a Francavilla Fontana. Il 52enne ha risposto alle domande del gip. Il pm che si occupa delle indagini è Gualberto Buccarelli.

Il 52enne era stato arrestato dai carabinieri il 13 settembre scorso per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio. I militari del nucleo operativo e radiomobile avevano eseguito una perquisizione presso l'abitazione dell'uomo, con l'ausilio del team cinofili della compagnia guardia di finanza di Brindisi. Il risultato: 616,9 grammi di marijuana, 1.400 euro in contanti (ritenuti provento di attività illecita) e vario materiale per la pesatura e il confezionamento, nascosto nel vano portabagagli dell'auto, parcheggiata nelle pertinenze dell'abitazione. Il tutto è stato sottoposto a sequestro.

In questi giorni i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana hanno messo a segno diversi arresti per droga. L'11 settembre i militari hanno arrestato altri due francavillesi, sempre per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Nell'occasione, i carabinieri hanno sequestrato un chilo di cocaina e sei chili di marijuana. I due francavillesi si trovano tuttora in carcere, a Taranto, dopo l'arresto operato dai militari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 600 grammi di marijuana: dopo l'arresto torna in libertà

BrindisiReport è in caricamento