Cronaca Francavilla Fontana

Il vizio di rubare nelle scuole: denunciato in casa, arrestato in trasferta

Non gli è bastata la denuncia per furto rimediata nella notte tra mercoledì e giovedì dopo essere stato sorpreso, insieme ad altri giovani, con monetine asportate dal distributore dell’istituto tecnico calò di Francavilla Fontana: nella notte tra ieri è oggi si è diretto, insieme ad altri due complici in una scuola di Fragagnano (Ta) ancora una volta per rubare nei distributori automatici.

FRANCAVILLA FONTANA – Non gli è bastata la denuncia per furto rimediata nella notte tra mercoledì e giovedì dopo essere stato sorpreso, insieme ad altri giovani, con monetine asportate dal distributore dell’istituto tecnico calò di Francavilla Fontana: nella notte tra ieri è oggi si è diretto, insieme ad altri due complici in una scuola di Fragagnano (Ta) ancora una volta per rubare nei distributori automatici. Ma questa volta è stato colto in flagranza di reato dai carabinieri e arrestato. Si tratta di Alessandro Altavilla, 18ennne. Gli altri due sono Pietro Iurlaro suo coetaneo e Orazio D’Amuri 20enne. Sono accusati di furto aggravato in concorso.

Da diversi giorni il personale della stazione di Fragagnano ha intensificato i servizi di controllo del territorio, soprattutto in orario notturno, proprio al fine di contrastare e prevenire il fenomeno dei furti e danneggiamenti all’interno degli istituti scolastici del luogo. Ed è proprio nell'ambito di quest'attività che i tre giovani francavillesi sono finiti nei guai. La scorsa notte, verso l’una circa, una pattuglia dei carabinieri, ha notato la porta della scuola media “De Amicis” aperta. Ha così deciso di effettuare un’ispezione dei locali sorprendendo i tre malfattori in azione: dopo aver forzato con arnesi da scasso la grata e la porta di accesso della sala convegno dell’istituto scolastico, si erano introdotti nei locali per forzare i distributori automatici di bevande ed impossessarsi del denaro.

Sono stati prontamente bloccati dai militari. Inutile è stato il tentativo di fuga del complice che li attendeva in auto: è stato individuato e fermato da altri carabinieri che sorvegliavano l’esterno della scuola. I tre giovani, dopo le formalità di rito, sono stati arrestati per tentato furto aggravato in concorso e come disposto dal pubblico ministero di turno, Mariano Buccoliero, tradotti presso le rispettive abitazioni per essere poi sottoposti agli di arresti domiciliari.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il vizio di rubare nelle scuole: denunciato in casa, arrestato in trasferta

BrindisiReport è in caricamento