menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una pattuglia della Finanza

Una pattuglia della Finanza

Frode al fisco all’ombra degli pneumatici: denunciato imprenditore ostunese

OSTUNI - Sconosciuto: ma solo al fisco. Per il resto, l’imprenditore ostunese finito nella rete della guardia di finanza, sarebbe fin troppo noto. Il condizione è d’obbligo, ma l’identikit dell’operatore economico che a capo di una impresa operante nel settore della commercializzazione e riparazione di pneumatici avrebbe orchestrato una frode fiscale da oltre un milione e 800 mila euro, è tutto nei numeri e nelle specificità dei servizi gestiti tra il 2005 e il 2009. A carico del titolare della società, con sede legale nella Città bianca è scattata una formale denuncia a piede libero presso la competente autorità giudiziaria.

OSTUNI - Sconosciuto: ma solo al fisco. Per il resto, l'imprenditore ostunese finito nella rete della guardia di finanza, sarebbe fin troppo noto. Il condizionale è d'obbligo, ma l'identikit dell'operatore economico che a capo di una impresa operante nel settore della commercializzazione e riparazione di pneumatici avrebbe orchestrato una frode fiscale da oltre un milione e 800 mila euro, traspare dai numeri e dallle specificità dei servizi gestiti tra il 2005 e il 2009.

A carico del titolare della società, con sede legale nella Città bianca è scattata una formale denuncia a piede libero presso la competente autorità giudiziaria. Stando a quello che i militari della Compagnia della Guardia di finanza di Ostuni, diretti dal capitano Massimo Otranto, hanno potuto accertare, l'impresa in questione per alcuni anni avrebbe occultato al fisco buona parte dei propri profitti: oltre un milione e 600 mila euro, i guadagni introitati in nero. Capitolo in bianco, di conseguenza, anche quello relativo all'Iva, per una evasione pari a 270 mila euro. Tanto, almeno, sarebbe emerso a seguito di una specifica attività di indagine svolta dalle fiamme gialle.

Una frode da capogiro, maturata sull'onda lunga di una intensa attività professionale esercitata per quattro anni in barba all'Ufficio delle Entrate e all'ombra dei registri contabili: quelli su cui i finanzieri hanno concentrato le opportune verifiche, venendo a capo del tesoretto in "nero".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento