rotate-mobile
Cronaca Ceglie Messapica

Fuga dal maneggio: la Forestale intercetta una mandria di cavalli

CEGLIE MESSAPICA - Fuga dal maneggio, per un galoppo in stile libero. Sin troppo libero: una mandria di sette cavalli a passeggio in ordine sparso. Ed al seguito neppure l’ombra di un fantino. Una scappatella minacciosa quella frenata nella giornata di ieri dagli agenti del Comando del Corpo Forestale di Ostuni, intervenuti su segnalazione di alcuni automobilisti che hanno assistito impauriti alla curiosa circostanza. L’evasione si è consumata in contrada Sacramento, nelle campagne che circondano la strada provinciale Ceglie Messapica-Martina Franca.

CEGLIE MESSAPICA - Fuga dal maneggio, per un galoppo in stile libero. Sin troppo libero: una mandria di sette cavalli a passeggio in ordine sparso. Ed al seguito neppure l'ombra di un fantino. Una scappatella minacciosa quella frenata nella giornata di ieri dagli agenti del Comando del Corpo Forestale di Ostuni, intervenuti su segnalazione di alcuni automobilisti che hanno assistito impauriti alla curiosa circostanza. L'evasione si è consumata in contrada Sacramento, nelle campagne che circondano la strada provinciale Ceglie Messapica-Martina Franca.

I sette cavalli avrebbero preso il largo nella mattinata, abbandonando il recinto di un'azienda agricola cegliese. In gruppo si sarebbero allontanati pericolosamente, vagando senza meta per alcuni chilometri. La fuga non è sfuggita ai villeggianti della zona, che prontamente hanno provveduto a comunicare al Comando del Corpo Forestale della Città bianca la presenza nei pressi del bosco Ulmo di una mandria piuttosto originale: sette cavalli privi di fantino che in fila indiana lambivano minacciosamente la strada provinciale, mettendo a rischio anche l'incolumità degli automobilisti in transito.

Sul posto sono intervenute così le pattuglie della Forestale, che hanno setacciato la zona e seguendo le scia degli zoccoli sono giunti a intercettare la mandria, facendo in modo che i sette esemplari si allontanassero quanto più possibile dall'arteria provinciale. L'intervento degli agenti è stato coadiuvato da due veterinari dell'Azienda sanitaria locale, che insieme al personale della Forestale hanno provveduto a stoppare la fuga, facendo sì che la mandria rientrasse senza ulteriori intoppi all'ovile.

Su quanto accaduto sono in corso accertamenti. Gli agenti hanno ascoltato a lungo i gestori della masseria e dell'annesso maneggio. Le indagini puntano a chiarire l'esatta dinamica della fuga. Il sospetto è che l'evasione possa essere stata favorita dolosamente per procurare un danno ai titolari del maneggio e dell'impresa agricola. Ulteriori verifiche saranno eseguite nei prossimi giorni. Quanto ai sette cavalli, dopo essere passati al vaglio e alle cure dei medici veterinari, sono stati riconsegnati ai proprietari della struttura.

Sempre ieri, intanto, altra operazione messa a segno dal personale della Guardia Forestale di Ostuni. Nell'ambito dei controlli antibracconaggio, gli agenti hanno denunciato a piede libero un cacciatore cegliese: N. D. (34 anni). L'uomo, armato di un fucile calibro 12 (regolarmente detenuto) è stato beccato al di là di un cespuglio, in contrada Lamasanta, lungo il litorale di Ostuni, in un tratto sottoposto a vincolo. All'incauto cacciatore, trovato in possesso di una tortora abbattuta, è stato pertanto sequestro il fucile.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fuga dal maneggio: la Forestale intercetta una mandria di cavalli

BrindisiReport è in caricamento