menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestato per evasione da equipaggio di una radiomobile

Il brindisino Vincenzo Corsano, detenuto ai domiciliari, trovato a quattro chilometri dalla sua abitazione

BRINDISI – Non è passato inosservato ad una pattuglia del Nucleo operativo radiomobile di Brindisi, anche perché periodicamente viene sottoposto ai controlli di routine, ma anche perché è una figura nota dell’epoca del contrabbando di sigarette: era proprio Vincenzo Corsano l’uomo notato a circa quattro chilometri dalla sua abitazione, davanti ad un condominio del capoluogo. Ma Corsano avrebbe dovuto trovarsi in casa, a quell'ora, agli arresti domiciliari. Pertanto  i carabinieri lo hanno fermato e tratto in arresto in flagrante reato di evasione. Su decisione del pm di turno, il 48enne brindisino è stato nuovamente riassegnato agli arresti domiciliari.

Stamani, comparso davanti al giudice monocratico Angelo Zizzari, Vincenzo Corsano - difeso dagli avvocati Andrea D'Agostino e Chiara D'Amici - ha spiegato che stava rientrando dal lavoro e che era solo in ritardo di una decina di minuti rispetto all'orario stabilito per il suo permesso (può svolgere attività presso un congiunto dalle 5 alle 13) era costretto a raggiungere casa a piedi. La pescheria dove è autorizzato a lavorare si trova al quartiere Paradiso, lui è ristretto ina una abitazione di contrada Sbitri.

Quando ha incrociato i carabinieri infatti era all'imbocco di via della Torretta, con qualche chilometro ancora da percorrere. La difesa non ha contestato l'arresto, poichè comunque Corsano era fuori dall'orario stabilito, e il magistrato lo ha convalidato, ma nel contempo il giudice ha ritenuto di non dover disporre poi alcuna misura cautelare vista la situazione descritta dall'interessato e dalla difesa. Vincenzo Corsano tornerà in aula l'8 maggio prossimo, per essere processato con il rito abbreviato per il reato di evasione. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento