menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti di auto e ricettazione dei pezzi, condanna definitiva e arresto

Tommaso Bentivoglio, 28 anni, di Fasano, condotto in carcere per espiare la pena a quattro anni, undici mesi e dieci giorni

FASANO - Condannato in via definitiva con l'accusa definitiva di furti di auto: Tommaso Bentivoglio, 28 anni, di Fasano, è stato arrestato e condotto in carcere per espiare la pena a quattro anni, undici mesi e dieci giorni per una serie di reati commessi in provincia di Taranto, Lecce, Cisternino e Fasano. Nel maggio scorso unitamente a due complici aveva allestito un’officina clandestina in cui cannibalizzavano le autovetture oggetto di furto.

BENTIVOGLIO Tommaso, classe 1991 (1)-2A Martina Franca nel maggio 2012 unitamente  a due complici giunti a bordo di una Mercedes, mentre l’autista era rimasto nell’auto con il motore acceso gli altri  tentarono di forzare lo sportello anteriore sinistro di un’auto di grossa cilindrata in sosta con uno “spadino”, ma vennero arrestati in flagranza da una pattuglia dei carabinieri. Altro episodio  riguarda l’arresto per ricettazione e riciclaggio di autovetture provento di furto, fatto avvenuto nel mese di maggio 2018. L’arrestato assieme a due fasanesi venne sorpreso dai carabinieri all’interno di un garage  adibito ad officina meccanica clandestina: erano  intenti a smontare un’autovettura Fiat 500 di proprietà di una società di autonoleggio con sede a Bolzano.

L’auto era stata denunciata quale provento di furto il giorno prima da un turista tedesco 54enne. La perquisizione dell’officina clandestina portò alla scoperta di una Fiat Panda,  denunciata quale provento di furto nell’aprile 2018 da una 32enne di Talsano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento