Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca

Azienda agricola mandata avanti da anni con energia elettrica rubata

Alimentavano il motore del pozzo artesiano e gli impianti delle serre con energia elettrica rubata. Un bel vantaggio sui concorrenti che invece la bolletta la pagano, e pure salata. Ma tecnici e Enel e carabinieri, in questo caso quelli della compagnia di Francavilla Fontana, sono arrivati a scoprire anche questo caso

Alimentavano il motore del pozzo artesiano e gli impianti delle serre con energia elettrica rubata. Un bel vantaggio sui concorrenti che invece la bolletta la pagano, e pure salata. Ma tecnici e Enel e carabinieri, in questo caso quelli della compagnia di Francavilla Fontana, sono arrivati a scoprire anche questo caso, e il coniugi V.C. di 59 anni e C.L. di 52 anni sono stati arrestati in flagranza di reato, e poi rimessi in libertà secondo una procedura standard adottata in circostanze del genere. Il fatto in contrada Don Giulio, e l’ammontare della bolletta evasa è di 33mila euro.

Arrestati e rimessi in libertà anche R.T. di 69 anni e P.T. di 44 anni, di Ceglie Messapica. Entrambi avevano allacciato alla rete pubblica le utenze delle rispettive abitazioni, bypassando i contatori. Sono intervenuti assieme al personale Enel i carabinieri della stazione di Ceglie. Era già agli arresti domiciliari invece S.B. di 49 anni, di Brindisi, che – hanno appurato i tecnici e i carabinieri della stazione centro del capoluogo – con un allaccio alla rete pubblica aveva utilizzato 16mila chilowatt senza pagare un centesimo (avrebbe dovuto sborsare, altrimenti, circa 5mila euro). Brina è stato arrestato, e poi rimesso in libertà per il furto di energia, ma prosegue lo stato di detenzione domiciliare per altri fatti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Azienda agricola mandata avanti da anni con energia elettrica rubata

BrindisiReport è in caricamento