menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti di rame, polizia e carabinieri trovano deposito di cavi e sventano un furto

Polizia e carabinieri sempre più impegnati a contrastare il sempre più crescente fenomeno dei furti di rame dalle reti ferroviarie

Polizia e carabinieri sempre più impegnati a contrastare il sempre più crescente fenomeno dei furti di rame dalle reti ferroviarie, fenomeno che non solo provoca danni economici all’azienda ma crea grossi disagi alla cittadinanza. Spesso accade, infatti, che alcune tratte subiscono blocchi proprio per i furti di rame. Nell’ambito di alcuni servizi di controllo del territorio mirati proprio a contrastare questi fenomeni tra ieri e la notte scorsa Polizia e carabinieri hanno scoperto un deposito di cavi e sventato un furto di metallo rosso ai danni della rete ferroviaria.

L'intervento della polizia 

Nel primo pomeriggio di ieri, domenica 14 gennaio, una Volante della Questura di Brindisi ha notato, in contrada Lo Spada, un giovane che alla vista della Polizia si allontanava velocemente per le campagne adiacenti. Immediato l’intervento degli agenti i quali hanno scoperto che in una  depressione del terreno erano nascosti centinaia di metri di matasse di rame di tipo industriale, si ritiene che il fuggitivo era addetto alla custodia. I successivi accertamenti hanno permesso di verificare che si trattava di oltre una tonnellata (esattamente 1.200 kg) di cavi di rame rubati lo scorso 17 dicembre presso la tratta ferroviaria San Vito dei Normanni, fermata di Brindisi Perrino. L’ingente quantità di rame rubato è stato sequestrato e contestualmente restituito a personale di Reti ferroviarie italiane.

L'intervento dei carabinieri 

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Brindisi, invece, nel corso della notte, a seguito di segnalazione giunta sul 112, sono intervenuti in via Provinciale per San Vito dove era stata segnalata la presenza di tre individui, con il volto coperto da maschere carnevalesche, giunti a bordo di un'autovettura. Gli stessi, mediante l’utilizzo di una scala, hanno avuto accesso nella confinante area di pertinenza delle Ferrovie dello Stato al fine di impossessarsi dei cavi in rame ivi depositati. L'immediato intervento del personale operante ha messo in fuga i tre malviventi, che hanno abbandonato sul posto l'autovettura, risultata oggetto di furto denunciato l'8 gennaio scorso presso la stazione dei carabinieri di Brindisi Centro, di proprietà di un istituto di credito, nonché un borsone contenente attrezzi da scasso, il tutto è stato sottoposto a sequestro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento