rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Cronaca San Pietro Vernotico

Furti di rame, tutti scarcerati

SAN PIETRO VERNOTICO – Scarcerati con obbligo di soggiorno ed obbligo di firma i cinque giovani arrestati perchè sorpresi a rubare tubi di rame

SAN PIETRO VERNOTICO - Scarcerati con obbligo di soggiorno ed obbligo di firma i cinque giovani sanpietrani arrestati la sera del Venerdì Santo perchè sorpresi a rubare tubi di rame da un'abitazione estiva nella marina di Torre San Gennaro.

Federico Scicchitano, 21 anni, Giorgio Candita, 18 anni, Antonio Candita, 19 anni, Mario Giordano e Samuele Marangio, entrambi 18enni, nella mattinata di oggi sono stati ascoltati, alla presenza dei loro legali di fiducia (Roberto Orsini e Marilù Carrieri per Marangio e Giordano, Francesco Cascione per Scicchitano e i Candita), dal giudice per le indagini preliminari Giuseppe Licci per l'interrogatorio di convalida.

I cinque indagati hanno fornito la loro versione dei fatti, spiegando che nelle loro intenzioni non c'era quella di ricavare un profitto da quel furto. Si trattava di una bravata. Il gip ha convalidato l'arresto, accogliendo, però, la richiesta di revoca della misura cautelare (erano tutti stati assegnati ai domiciliari dal pm di turno).

I cinque giovani sanpietrani sono stati rimessi in libertà. Fino al processo non potranno lasciare il territorio di competenza del Comune di San Pietro Vernotico e dovranno recarsi ogni sera alle 20 nella locale caserma per ottemperare all'obbligo di firma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti di rame, tutti scarcerati

BrindisiReport è in caricamento