menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Furti nelle residenze estive: ladri presi dopo fuga sulla spiaggia

I poliziotti del commissariato di Ostuni hanno arrestato per furto pluriaggravato 55enne e un 30enne perché sorpresi a rubare in una villetta in località Marina Diana a Ostuni

OSTUNI – I poliziotti del commissariato di Ostuni hanno arrestato per furto pluriaggravato, Pietro Piscotti 55 anni e Alessandro De Giglio, 30 anni di Bari perché sorpresi a rubare in una villetta in località Marina Diana a Ostuni. Entrambi sono già noti per reati specifici e in materia di armi, droga, ricettazione, evasione ed altro.

L’operazione, cui hanno partecipato equipaggi della Squadra volante e dell’Anticrimine ostunese, è stata coordinata e condotta sul campo dall’ispettore Capo Pierino Tamborrino, responsabile della Squadra di polizia giudiziaria del commissariato, guidato dal commissario capo Gianni Albano.

I due finiti nei guai sono incappati in un servizio di controllo del territorio attivato proprio per far fronte ai numerosi furti nelle residenze foto_DE GIGLIO Alessandro-2estive verificatisi nei giorni scorsi. Inoltre era anche stata segnalata la presenza di un’auto “sospetta” nei pressi delle villette della località marittima Diana Marina, tra Villanova e Monticelli.  Ed è proprio su quest’auto che è stato trovato uno dei due finiti poi nei guai. Era all’interno della vettura e si comportava in modo anomalo, “si guardava ripetutamente attorno, armeggiando nervosamente col proprio telefonino”, si legge in una nota del commissariato.

È nato così il sospetto che potesse trattarsi di un palo ed è stato fermato. Non ha saputo indicare ai poliziotti il motivo della sua presenza in quel posto fornendo risposte “non convincenti e di facciata”. Così è stato eseguito un controllo più approfondito che ha consentito di notare che una delle finestre era aperta. In quel momento un uomo la stava scavalcando, è stato invitato a fermarsi ma ha tentato la fuga in spiaggia. Grazie all’ausilio di una pattuglia dell’Arma dei carabinieri di Ostuni, è stato bloccato e portato negli uffici della Questura insieme al presunto complice. Il successivo sopralluogo all’interno della villetta ha consentito ai poliziotti della Città Bianca di constatare, alla presenza dei proprietari, che l’appartamento era stato messo totalmente a soqquadro e che dallo stesso, era stato portato via denaro che è stato trovato nel borsello dell’uomo che si era dato alla fuga. I due sono stati rinchiusi nel carcere di Brindisi.

foto_PISCOTTI Pietro-2Al vaglio degli investigatori ostunesi, altri episodi delittuosi verificatosi nella citata località marittima, nel corso dei quali, è stata avvistata la stessa autovettura a bordo della quale sono stati.

“La decisiva operazione di Polizia condotta dal personale del Commissariato di Ostuni si inserisce nell’ambito della approfondita azione di monitoraggio della vasta giurisdizione di competenza e nell’ottica di prevenire che malintenzionati possano avere arbitrario accesso alle private abitazioni, “violentandole” e mettendole totalmente in subbuglio. In tal senso l’attenzione da parte della Polizia di Stato della Città Bianca continuerà ad essere alta onde garantire la sicurezza generale dei cittadini cui, si rivolge l’invito di segnalare al numero di emergenza 113 della Polizia di Stato, ogni situazione giudicata dubbia e, in quanto tale, meritevole di approfondimento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento