Carabinieri nascosti all'interno della scuola: ladro con le mani nel sacco

Furto sventato al liceo classico di Francavilla Fontana. Un 27enne bloccato subito dopo aver forzato un distributore di merendine. Prima risposta alla piaga delle incursioni notturne nelle scuole

FRANCAVILLA FONTANA – I carabinieri si sono nascosti all’interno della scuola e hanno colto il ladro di monetine con le mani nel sacco. A Francavilla Fontana arriva la prima, importante, risposta delle forze dell’ordine al fenomeno dei furti negli istituti scolastici di ogni ordine e grado: una piaga che dai primi giorni del 2020 affligge tutta la provincia di Brindisi e in particolare anche il capoluogo. 

Nonostante fosse sottoposto al regime degli arresti domiciliati, il 27enne Antonio Fanizza intorno alle ore 2 della scorsa notte (mercoledì 19 febbraio) è uscito dalla propria abitazione e si è diretto verso il liceo classico “V. Lilla”, situato in viale Lilla. Una volta sul posto, il giovane ha forzato il portone di ingresso è si è diretto verso i distributori di bibite e merendine. 

Pensava di poter agire indisturbato, nel silenzio di una scuola deserta. Ma si sbagliava di grosso, perché i carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana al comando del capitano Gianluca Cipolletta si erano appostati proprio lì, a pochi passi dalle macchinette. Non appena Fanizza ha forzato la cassettina con le monetine, i militari sono usciti allo scoperto, bloccandolo. Di concerto con il pm di turno del tribunale di Brindisi, l’indagato è stato condotto in carcere. Dovrà rispondere dei reati di evasione, danneggiamento aggravato e tentato furto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il problema delle intrusioni notturne all'interno delle scuole era stato al centro di un tavolo convocato lo scorso 5 febbraio in prefettura, a seguito di una lunga serie di furti perpetrati sia a Brindisi che nei Comuni della provincia. In quella sede si decise di arginare l’escalation installando nuove telecamere, nuovi impianti di allarme e sistemi anti-intrusione per la difesa passiva. Ma fondamentale è il ruolo delle forze dell’ordine, che nelle ultime settimane hanno potenziato i servizi di controllo nei pressi degli istituti scolastici. E i risultati cominciano ad arrivare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

  • Chiedono i documenti: poliziotti aggrediti con calci e pugni in stazione

  • Vandali scatenati: appiccati tre incendi nella scuola materna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento