Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca

Furto a Punta del Serrone: "Nessuna telecamera è puntata verso il mare"

“L’impianto di videosorveglianza funziona perfettamente. Il problema è, però, che nessuna delle sei telecamere di cui esso è composto, è rivolta verso il mare. Gli occhi elettronici, collegati con i monitor della nostra sala operativa, sono tutti puntati all’interno del Parco"

BRINDISI - “L’impianto di videosorveglianza funziona perfettamente. Il problema è, però, che  nessuna delle sei telecamere di cui esso è composto, è rivolta verso il mare. Gli occhi elettronici, collegati con i monitor della nostra sala operativa, sono tutti puntati all’interno del Parco.” Lo spiega Teodoro Nigro, comandante della polizia municipale, contattato da BrindisiReport.it, a seguito del furto di un kayak consumatosi ieri (lunedì 10 agosto), all’altezza di un pontile fra Punta Penne e Punta del Serrone, ai danni di un imprenditore di Monza e di suo figlio che da Venezia dovevano raggiungere la Sicilia.

L’impianto in questione, distrutto dai vandali nello scorso mese di febbraio e il cui appalto per l’installazione è stato affidato alla società AsielTech Srl, è stato ripristinato immediatamente, proprio per “garantire – così come aveva affermato in precedenza l’assessore all’Urbanistica, Pasquale Luperti – maggiore sicurezza ai cittadini così da avere un litorale attrezzato e funzionante”. Nulla da dire su questo se non fosse che, sulla base di quanto accaduto, il sistema di controllo integrato di accessi, sicurezza e videosorveglianza realizzato (che con i finanziamenti regionali, è costato  al Comune poco più di 100mila euro) oggi risulta essere incompleto.

E’, infatti, inconcepibile che una zona del genere, frequentata da decine e decine di persone, specie durante la stagione estiva, sia  controllata solo in parte, sul lato terraferma. Ciò, ancor più considerato il fatto che nel tempo sono diversi i furti che si son concretizzati proprio con accesso dal mare, come per esempio, quelli avvenuti più volte presso il porticciolo turistico “Marina di Brindisi”

“Le immagini che vedo sui monitor – prosegue Nigro – sono relative alla zona interna del Parco. Noi, sostanzialmente e praticamente, riusciamo a vedere solo quello che vi accade dentro: dietro le dune e la macchia, nell’area dove avveniva lo scarico abusivo di tutta una serie di materiali e lungo la staccionata. Insomma, nel cuore del Parco. Non abbiamo la possibilità di guardare diciamo all’esterno, verso gli scogli, il mare. Questa è la situazione: non si tratta quindi di un sistema che non è funzionante, anzi tutto il contrario visto che, laddove le telecamere ci sono, l’area è sorvegliata.”

Certo, appurato che gli occhi elettronici sono accesi e che quindi svolgono regolarmente la loro funzione, adesso non resta che approfondire la questione, magari pensando a come fare per integrare l’impianto di videosorveglianza, affinché non accadano più episodi come quello di ieri. Altrimenti, stando ai fatti, la sicurezza in quella zona, sarà sempre relativa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto a Punta del Serrone: "Nessuna telecamera è puntata verso il mare"

BrindisiReport è in caricamento