Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca

Da Brindisi a Nardò per rubare angurie: in due patteggiano

I brindisini Salvatore Colaci e Damiano Carone furono fermati a bordo di un furgone che trasportava circa 45 quintali di angurie

NARDO' - Era l’alba del 29 giugno scorso, quando gli agenti delle volanti del commissariato di Nardò fermarono un furgone giallo, trovando circa 45 quintali di angurie appena rubate da un terreno in località Masseria Le Stanzie. A bordo del mezzo c’erano due brindisini Salvatore Colaci, di 56 anni, e Damiano Carone, di 44, volti già noti alle forze dell’ordine, che ieri per questa vicenda hanno patteggiato rispettivamente un anno e sei mesi e un anno e 4 mesi di reclusione.

La sentenza è stata emessa dal giudice Marcello Rizzo che ha così accolto l’istanza formulata dall’avvocato difensore Amilcare Tana.
 Il mezzo (un Citroen Jumper) sul quale viaggiavano i due uomini fu fermato sulla strada (la 115) che da Nardò porta a Leverano, intorno alle 4, dai poliziotti, durante un servizio di perlustrazione delle provinciali ai margini delle quali, in quel periodo, si erano verificati diversi furti. Dopo la scoperta della refurtiva, gli agenti giunsero nel campo dal quale erano state prelevate le angurie, scoprendo che altri 20 quintali fossero già stati recisi dalla pianta, per essere asportati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Brindisi a Nardò per rubare angurie: in due patteggiano

BrindisiReport è in caricamento