rotate-mobile
Cronaca Fasano / Via Buongiorno

Furto di giubbotti, su Facebook i ladri in azione: "Aiutateci a trovarli"

Il titolare di un negozio di abbigliamento ha divulgato i filmati del furto perpetrato da due uomini a volto scoperto

FASANO – I titolari di un noto negozio di abbigliamento di Fasano chiedono aiuto al popolo di Facebook per individuare i ladri che ieri pomeriggio (18 novembre) hanno trafugato due giubbotti, senza che nessuno, lì per lì, si accorgesse di nulla. Il responsabile dell’attività commerciale, pochi minuti dopo il furto, ha pubblicato sul suo profilo i filmati delle telecamere. 

Nel video si vedono due persone distinte, uno di mezza età, l’altro più giovane, che entrano come comuni clienti. I due si aggirano fra gli scaffali. Poi puntano verso un appendi-abiti. Nel giro di pochi secondo, dopo essersi accertato di non essere sorvegliato, il più anziano prende un giubbotto da una gruccia, come a volerlo provare. Qualche istante dopo, prende un altro giubbotto e lo nasconde dentro al primo. A quel punto i due si dileguano.

La vittima, dopo essersi accorta del misfatto, in serata si è recata presso la caserma dei carabinieri per consegnare i filmati, sporgendo denuncia. Al momento l’identità dei malfattori è ignota. Stando ad alcuni commenti pubblicati sotto al post, è presumibile che i due, quello stesso giorno, abbiano commesso altri furti fra le province di Brindisi e Fasano. “Sono stati da me due volte – scrive un commerciante - li ho riconosciuti”. 

Nel recente passato già altri esercenti hanno pubblicato i video di furti o di rapine subite. In alcuni casi, la mossa si è rivelata vincente. Basti pensare agli autori di un furto di telefonini perpetrato lo scorso 30 giugno a Latiano. Questi, finiti subito sul web, vennero fermati al culmine di un inseguimento sulla superstrada Brindisi-Taranto ingaggiato dalla stessa vittima, dopo l’imbeccata di una persona che aveva visto il video. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furto di giubbotti, su Facebook i ladri in azione: "Aiutateci a trovarli"

BrindisiReport è in caricamento