menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Caserma Carabinieri San Pietro Vernotico

Caserma Carabinieri San Pietro Vernotico

Furto di rame, presi 5 giovani

SAN PIETRO VERNOTICO – Hanno tra i 18 e 21 anni i cinque ragazzi sanpietrani arrestati ieri sera perché sorpresi a rubare tubi di rame.

SAN PIETRO VERNOTICO - Hanno tra i 18 e 21 anni i cinque ragazzi sanpietrani arrestati ieri sera perché sorpresi a rubare tubi di rame per il deflusso dell'acqua piovana, dal prospetto di un'abitazione estiva della marina di Torre San Gennaro. Sono accusati di furto aggravato in concorso. Si tratta di Federico Scicchitano, 21 anni (l'unico già conosciuto alle forze dell'ordine), Giorgio Candita, 18 anni di Torchiarolo, Antonio Candita, 19 anni, Mario Giordano e Samuele Marangio, entrambi 18enni, di San Pietro.

La banda è stata colta in flagranza di reato dai carabinieri della stazione di San Pietro Vernotico, al comando del maresciallo Giuseppe Pisani, avvisati da alcuni passanti. La segnalazione al 112 è giunta poco dopo le 23,30 di ieri. In via Brindisi a Torre San Gennaro c'era un'Alfa 156 parcheggiata vicino a un'abitazione e nelle vicinanze c'era un gruppo di giovani che stava smontando i tubi in rame dell'acqua piovana.

Sul posto si è recata una pattuglia già in servizio per le vie della vicina marina di Campo di Mare. Tutti e cinque sono stati colti con le mani nel sacco. Parte della refurtiva era già stata caricata nell'auto.

Dopo le formalità di rito, su disposizione del pubblico ministero di turno Marco D'Agostino, i cinque sono stati assegnati agli arresti domiciliari in attesa dell'interrogatorio di convalida che avverrà entro le 48 ore dalla notifica dell'arresto alla presenza dei loro legali di fiducia gli avvocati Francesco Cascione e Roberto Orsini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vita da vegana: "Non sono estremista, rispetto i più deboli e l'ambiente"

Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento