Rubano un portafoglio in chiesa: intercettati dai carabinieri

Un 29enne e un 28enne denunciati a piede libero per furto aggravato. Al 29enne contestato anche il reato di resistenza

Hanno rubato un portafoglio in chiesa, ma sono stati subito intercettati dai carabinieri. Sono stati denunciati a piede libero un 29enne residente a San Marzano di San Giuseppe (Taranto), ma domiciliato a Carovigno, e un 28enne di Carovigno. I due, dopo essere entrati in una parrocchia di Carovigno, hanno sottratto un portafogli dalla tasca dei pantaloni di un 34enne di Mesagne, con all’interno 60 euro.

Entrambi, boccati nel giro di pochi minuti dai carabinieri della stazione di Carovigno, devono rispondere del reato di furto aggravato. Solo il 29enne deve rispondere anche del reato di resistenza a pubblico ufficiale, poiché individuato nel centro storico già prima, quando aveva fatto perdere le proprie tracce, fuggendo a piedi.

A San Vito dei Normanni, i carabinieri del Norm hanno denunciato un 20enne del posto, per violazione della normativa sulle armi. In particolare, a seguito di perquisizione personale e domiciliare, i militari hanno rinvenuto occultata negli indumenti 0,94 grammi di marijuana e, all’interno del cassetto del mobile della stanza da letto, hanno accertato la detenzione illegale di due cartucce per pistola, aventi calibro da accertare.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A Torchiarolo, è stato denunciato infine un 44enne di Squinzano (Lecce), per minaccia a pubblico ufficiale. In particolare, nel corso della notte, l’uomo, alla guida della sua autovettura, per eludere un controllo di polizia da parte dei carabinieri della locale stazione, si è allontanato a forte velocità, venendo subito inseguito e bloccato dopo circa 5 chilometri. Nella circostanza, mentre il capo servizio era intento a redigere diversi sommari processi verbali di infrazioni al Codice della Strada, il 44enne ha proferito frasi minacciose nei suoi riguardi, per dissuaderlo dal compiere le sue funzioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Focolaio Polignano, salgono a 168 i positivi: 5 sono a Villa Castelli e 2 ad Ostuni

  • Truffe ai danni di anziani: blitz all'alba, arrestate sei persone

  • In auto con 18 chili di cocaina: sequestro da due milioni nel Brindisino

  • Lecce, shopping nel centro commerciale senza pagare: arrestata una brindisina

  • Chiedono i documenti: poliziotti aggrediti con calci e pugni in stazione

  • Vandali scatenati: appiccati tre incendi nella scuola materna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento