Cronaca

G7, Vigili del fuoco: "Servizio in condizioni precarie e parco mezzi inadeguato"

Le denunce della Fp Cgil Vvf Puglia: "Carenze di organico che si aggirano tra il 20% e il 30% del personale strettamente necessario per garantire gli interventi"

“Da tempo denunciamo carichi di lavoro eccessivi, con lavoratori costretti a turni estenuanti per le gravi carenze di personale”. È quanto ribadirà il coordinatore nazionale della Fp Cgil Vvf Mauro Giulianella nell’incontro che si terrà quest’oggi con il Ministro dell’Interno Piantedosi. Sotto organico ormai da troppi anni, costretti a turni di lavoro estenuanti in particolar modo nel periodo estivo con richiami e rientri in straordinario, senza una assicurazione Inail contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, alle prese con un governo che sa solo fare propaganda nascondendo la realtà. 

“In Puglia la situazione non si discosta da quello che è il dato nazionale”, dichiarano Luigi Lonigro, Segretario Generale della Fp Cgil Puglia e Tobia Morelli, Coordinatore Regionale del Fp Cgil Vvf Puglia.  “Le conseguenze dei fenomeni atmosferici sempre più estremi, il G7 alle porte, l'avvio della campagna antincendio boschiva, metteranno a dura prova un organico allo stremo, portando in evidenza l’incapacità del Governo di organizzare e pianificare le attività correlate al soccorso. A questo stato di disagio – proseguono Lonigro e Morelli – bisogna aggiungere il contratto scaduto, un ordinamento professionale che fa acqua da tutte le parti e un'amministrazione che scarica le responsabilità del soccorso, in maniera poco rispettosa, sulla grande disponibilità degli appartenenti al Corpo che per senso del dovere e con spirito di sacrificio si prestano in ogni occasione ad intervenire con diligenza e professionalità”. 

I Vigili del Fuoco in Puglia stanno lavorando con carenze di organico che si aggirano tra il 20% e il 30% del personale strettamente necessario per garantire gli interventi, a seconda del comando territoriale preso a riferimento. “Il ripiego allo straordinario – segnala Morelli - è ormai ordinario. Non se ne può più. Sono anni che il sindacato denuncia le criticità legate al soccorso tecnico urgente e ai carichi di lavoro eccessivi, ciò nonostante le donne e gli uomini che operano sul territorio godono di un trattamento poco dignitoso”. 

“Quello che sta accadendo per il G7 ne è la riprova. Con il personale che è costretto ad assicurare il servizio in condizioni precarie, con una logistica insussistente, sotto il sole e con servizi inappropriati, con un parco automezzi inadeguato (nonostante le pressanti e continue richieste). Condizioni – dichiarano Lonigro e Morelli - che mettono a rischio la sicurezza dei lavoratori, degli stessi cittadini e del territorio interessato da questo ‘straordinario’ evento, sul quale si sono spese ingenti risorse per garantire tutti i confort ai potenti del mondo, mentre sulle questioni riguardanti il personale e la sicurezza del territorio sono mancate le risposte o quando sono state fornite dal Ministero dell’Interno - Dipartimento dei Vigili del fuoco sono risultate inadeguate”. 

“Per i Vigili del Fuoco, i cosiddetti ‘eroi’, non si trova il tempo e nemmeno si trovano le risorse per garantire alloggi dignitosi e una logistica decente, adeguata al tipo di servizio da erogare. Questo è il trattamento che il Governo riserva agli appartenenti al Corpo dei Vvf. Per questo vigileremo e se necessario chiameremo il personale a sostenere le iniziative di lotta”.  
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

G7, Vigili del fuoco: "Servizio in condizioni precarie e parco mezzi inadeguato"
BrindisiReport è in caricamento