menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gestione privata del cimitero comunale: in cambio anche il crematorio

Il cimitero di Francavilla Fontana avrà presto il suo tempio crematorio: tra i pochi dell’intero Mezzogiorno d’Italia. Varata la delibera con cui la giunta comunale accoglie la proposta di project financing avanzata da una società campana

FRANCAVILLA FONTANA - Il cimitero di Francavilla Fontana avrà presto il suo tempio crematorio: tra i pochi dell’intero Mezzogiorno d’Italia. Varata la delibera con cui la giunta comunale su proposta del vicesindaco Luigi Galiano accoglie la proposta di project financing avanzata dalla società campana “Edile Vispin Srl”.

In cambio di questa e altre opere, incluse nel pacchetto offerto dalla società in questione, il cimitero va in concessione trentennale alla stessa. Nell'accordo sono previsti, oltre al crematorio, anche un colombario, e una sala del commiato per la celebrazione dei funerali civili, l'abbattimento delle barriere architettoniche esistenti, la gestione completa di tutti i servizi, la manutenzione ordinaria e straordinaria del verde, la gestione dell’area parcheggio, dell’illuminazione, e le manutenzioni delle strutture di servizio (locali, viali, panchine, lampade votive, rifiuti cimiteriali). 

"Tutto questo a costo zero per il Comune di Francavilla. Anzi”, dice il vicesindaco Galiano aggiungendo che una percentuale degli introiti spetta al Comune che potrà reinvestirla in altri servizi. “Si tratta di un passo avanti epocale per la nostra città, e per una realtà, quale è quella del posto in cui riposano i nostri cari, che esige il massimo del rispetto e la migliore qualità possibile. E’ un obbiettivo sul quale ho lavorato molto, con la collaborazione preziosa degli uffici e dell’assessore ai Lavori pubblici Tommaso Resta, e che finalmente può entrare nella sua piena fase operativa".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento